Comunicati

COMUNICATO STAMPA Un primo passo nel futuro del Palazzo d’Avalos-ex Carcere di Procida.

Con la presentazione del libro di Rosalba IodicePalazzo d’Avalos e l’ex Carcere di Procida; il complesso monumentale e rinascimentale tra passato, presente e futuro” (Nutrimenti) la sottoscrizione di due strategici protocolli d’intesa tra Comune di Procida-Dipartimento di Ingegneria Federico II-Autorità di Bacino e l’occasione per fare un punto sulle attività svolte dall’Amministrazione comunale per la valorizzazione dell’ex carcere.

Illustrare il Piano Particolareggiato di prossima approvazione per la valorizzazione di Palazzo d’Avalos nonchè condividere le attività svolte e da svolgere dall’Assessorato alla valorizzazione dell’ex Carcere, è con questo proposito che si è svolta la presentazione de Palazzo d’Avalos e l’ex Carcere di Procida; il complesso monumentale e rinascimentale tra passato, presente e futuro (Nutrimenti).

Un incontro arricchito da un importante momento istituzionale costituito dalla sottoscrizione di due strategici protocolli tra Comune di Procida-Università Federico II-Autorità di Bacino. Convegno ricco di relatori qualificati e addetti ai lavori.

Sin dalle prime battute Pasquale Raicaldo, moderatore dell’incontro, ha sottolineato come il libro della Iodice rappresenta un momento culturale, e non solo, per il futuro dell’isola in quanto concreto presupposto di azioni amministrative importanti.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Dino Ambrosino, l’Assessore alla cultura Nico Granito ha illustrato le attività culturali che stanno iniziando a moltiplicarsi nell’ex Carcere dalla sua apertura e che ne faranno sempre più “un laboratorio artistico-culturale”.

E’ stata poi la volta della Dirigente Scolastica Maria Salette Longobardo che ha confermato una scuola aperta al territorio sempre più in sinergia con la valorizzazione dello stesso.

Un ringraziamento sentito della Iodice è andato agli editori Ada Carpi e Andrea Palombi di Nutrimenti, i quali hanno confermato di essere sempre più soddisfatti di stare avviando un processo di maggiore conoscenza e consapevolezza della storia procidana.

L’autrice Rosalba Iodice ha quindi illustrato il volume, ripercorrendo la storia del Complesso fino alla sua futura destinazione, sottolineando che trattasi di una superficie da riutilizzare di circa 20.000 mq con la previsione di una zona ricettiva, e relativi servizi, di circa 200 posti letto oltre spazi da destinare ad attività culturali, congressuali, artistici.

L’evento si è poi articolato in un secondo momento con l’avv. Antonio Carannante, Assessore alla valorizzazione di Palazzo d’Avalos, il quale ha dichiarato: “Non vi è la concreta valorizzazione di un Bene senza la sua rigenerazione urbana: per questo motivo abbiamo puntato al coinvolgimento della comunità sin dalla sua apertura.

E magicamente tante attività sono nate intorno al carcere: questo bene sta dunque tornando a vivere”.

L’assessore Carannante ha poi tenuto a precisare il lavoro fatto fin qui e le prossime tappe: “Il Bene è stato ceduto al Comune affinchè venisse valorizzato secondo il Programma di valorizzazione sottoscritto a suo tempo: questa è la nostra stella cardinale.

Il Piano particolareggiato redatto dalla Iodice, di cui viene pubblicato un estratto, è la sua declinazione necessaria per procedere al progetto.

Ora il nostro prossimo obiettivo è uno studio di fattibilità economico-finanziario che consentirà agli investitori interessati di avere uno strumento concreto per fare le proprie valutazioni: stiamo davvero entrando nel vivo del futuro dell’ex carcere”.

“Una cosa è sicura – ha poi concluso – no a speculazioni immobiliari, no ad albergoni, no a qualcosa di avulso dal territorio.

Vogliamo far viaggiare questo processo di riqualificazione unitamente a quello del centro storico e del Borgo di Terra Murata”.

E’ stato poi il momento della sottoscrizione del Protocollo d’intesa con l’Università Federico II di NapoliDipartimento di strutture per l’Ingegneria e l’Architettura –  per l’inserimento del Palazzo d’Avalos tra i prestigiosi progetti PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale) ad oggetto: Protecting the Cultural Heritage from water-soil interaction related threats, finanziati dal Ministero dell’Università e della Ricerca. “Anche io sono un procidano col cuore” ha affermato entusiasta il Prof. Landolfo della Federico II.

Palazzo d’Avalos rientrerà con la Cattedrale di Agrigento e il Convento di Maiori, tra i Beni oggetto di studio.

Si è poi passati al Protocollo d’intesa con l’Autorità di Bacino dell’Appennino Meridionale per l’istituzione di un “Laboratorio di Procida quale terrazza sul mediterraneo per la sperimentazione di ricerche ed azioni volte alla Sostenibilità Idrogeologica ed Ambientale degli usi e sviluppi futuri, all’Adattamento ai Cambiamenti Climatici, allo Sviluppo di modelli costi-benefici e valutazione/ servizi ecosistemici”.

Per l’Autorità presente l’Arch. Raffaella Nappi che ha dichiarato soddisfazione per la sempre maggiore sinergia con il Comune di Procida necessaria per una virtuosa tutela del territorio.

Il futuro di Palazzo d’Avalos è finalmente iniziato.

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Intervento della Consigliera alle Pari Opportunità

L’Amministrazione Comunale, nella persona della Consigliera alle Pari Opportunità, Sara Esposito,  intende esprime solidarietà alle famiglie che in queste ore vivono nello sconforto e nel buio che crea la violenza.
Consapevoli che anche la nostra piccola comunità non è immune alle dinamiche legate alla violenza di genere,  si ricorda che i comuni di Procida ed Ischia portano avanti uno sportello di ascolto ‘NON DA SOLA’ (con sede presso la Casa Comunale) – progetto d’Ambito N.13.
Vista l’importanza del fenomeno l‘Amministrazione Comunale in data 24 novembre 2017 ha aperto un tavolo permanente di lavoro/confronto/consultazione con le Scuole del territorio.
Da gennaio 2018 sistematicamente vengono svolti incontri, giornate di sensibilizzazione, sportello di ascolto sia presso la Scuola Media A. Capraro sia presso gli Istituti Superiori G.da Procida. Inoltre proprio in questi giorni con le classi II della Scuola Media si sta realizzando il laboratorio di ‘educazione sentimentale’ in collaborazione con l’Associazione Centro Antiviolenza T.Bonocore.
Costante continuerà ad essere l’attenzione e l’impegno sulle tematiche riguardanti ogni tipo di violenza.

#rompilsilenzio

Consigliera alle Pari Opportunità
Dott.sia Sara Esposito

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Intervento della Consigliera Lucia Mameli

Il Comune di Procida ha ricevuto da società Acqua Campania la somma di euro 1500 da destinarsi esclusivamente al superamento delle barriere architettoniche.

Le associazioni riunite dell’area tematica socio/assistenziali convengono di destinare tale somma all’acquisto di una o più pedane da spiaggia che consentano l’accesso al bagnasciuga alle P.M.R

Nella seduta di oggi 13.04.2018 della consulta delle Associazioni e del Volontariato si  deciderà il  posizionamento.

 
Consigliera ai Trasporti Marittimi
Lucia Mameli
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Consiglio Comunale sul tema demolizioni

La questione abbattimenti va affrontata in maniera responsabile senza illudere la gente.

È una materia complessa che richiede specifiche competenze per cui il Consiglio Comunale di oggi ha deciso di istituire una commissione che approfondisca la materia.

L’amministrazione rispedisce al mittente ogni strumentalizzazione di questo problema portata avanti da chi ha approfittato della comprensibile emotività dettata dal momento.

Si continua a lavorare per individuare soluzioni in grado di rispondere concretamente  alle esigenze del territorio.

Questa amministrazione non giocherà mai con la pelle dei procidani.

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

PROCIDA, PALAZZO D’AVALOS TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO

Sabato 14 aprile mattinata dedicata all’ex carcere con la presentazione del libro di Rosalba Iodice, che ha curato il Piano Particolareggiato e il Programma di Valorizzazione del complesso

L’ex carcere come attrattore per lo sviluppo di Procida e dell’intero golfo di Napoli: il passato che diventa cruciale per il futuro del territorio, attraverso la conoscenza di una delle realtà-simbolo dell’isola, riaperta al pubblico nel novembre del 2016. 

Sabato 14 aprile alle 10.30 a Procida, nel suggestivo scenario di Santa Margherita Nuova a Terra Murata, sarà presentato il libro “Palazzo d’Avalos e l’ex carcere di Procida: il complesso monumentale rinascimentale tra passato, presente e futuro” di Rosalba Iodice, che è stata redattrice per l’amministrazione comunale di Procida del Piano Particolareggiato e del Programma di Valorizzazione del complesso monumentale.

Il libro, un’opera essenziale per comprendere le potenzialità di uno degli edifici più complessi dell’intero golfo di Napoli, è stato pubblicato dalla casa editrice Nutrimenti, che da qualche anno ha aperto una libreria a Procida e che conferma e consolida, dunque, la sua presenza nel contribuire a valorizzare l’isola e  le sue risorse.

Ma la presentazione del volume si accompagna a una serie di momenti istituzionali che impreziosiranno l’evento, aperto al pubblico: l’assessore con delega a Terra Murata, l’avvocato Antonio Carannante, presenterà il Piano Particolareggiato (Atto necessario per il progetto di riqualificazione ex Carcere) contestualmente alla sottoscrizione di un importante accordo tra il Comune di Procida e il Dipartimento di Strutture per l’Ingegneria e l’Architettura dell’Università Federico II di Napoli, il cui direttore, il professore Raffaele Landolfo, ha inserito il complesso monumentale del Palazzo d’Avalos e di Terra Murata nel progetto PrinProgetti di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale –  “Protecting the Cultural Heritage from water-soil interaction related threats”.


Un’altra importante intesa istituzionale è quella che si sottoscriverà nell’ occasione con l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale in merito alle problematiche connesse al rischio idrogeologico erosione costiera e frane.

I lavori, moderati dal giornalista di Repubblica Pasquale Raicaldo, saranno introdotti dal Sindaco di Procida, dott. Dino Ambrosino, e conclusi dall’intervento del Vice Presidente della Regione Campania, on. Fulvio Bonavitacola.

Palazzo D'Avalos tra passato presente e futuro

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Elezioni del forum giovani

Elezioni del Forum dei GiovaniAlle elezioni del Forum dei giovani hanno partecipato 595 ragazzi. Una grande affluenza, dunque, che testimonia il forte interesse negli under 35 di prendere parte attivamente alla vita dell’isola.

Nei seggi aperti dalle ore 9 alle ore 20 vi è stata, infatti, una continua folla di votanti
La lista Giovani Presenti e’ stata votata da 441 ragazzi e la lista Procida 4G da 145. Dei 17 candidati nove sono stati eletti consiglieri dell’assemblea.

I giovani entrati a far parte dell’Assemblea del Forum dei Giovani sonoVincenzo EspositoLuigi Primario, Simona QuirinoGiorgia AllegroFrancesca Taliercio, Gaia Rontino, Davide Calise, Calise Brunella ed Enrico Scotto.

A breve verrà convocata la prima seduta del Forum per l’elezione del coordinatore. Questo avrà il compito di adunare e presiedere il Forum, definire l’ordine del giorno, coordinarne i lavori.

Ringrazio la Commissione Elettorale composta dai due dipendenti comunali Antonio Barone e Anna Maria Costagliola per aver subito accettato la sfida. 
Grazie alle persone che hanno composto il Seggio Elettorale: alla Presidente Anna Imputato, agli scrutatori Serena AmbrosinoVincenzo GiaccaEmanuela De Candia e Celestiana La Muro per aver messo a disposizione il proprio tempo per i giovani dell’isola.

E infine, ma non per ultimi, grazie ai ragazzi che hanno scelto di essere protagonisti di una nuova opportunità animando un gran fermento sulla nostra isola con dibattiti, interviste, discussioni.

Rossella Lauro

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Al via nuovo progetto di volontariato civico: “Volontari amici della sicurezza”

Di concerto con la Polizia Municipale di Procida, con la Deliberazione di Giunta Municipale n. 68 del 15 marzo, viene proposto a tutti i cittadini maggiorenni un progetto di volontariato volto a costituire e rafforzare un sistema di sicurezza intorno agli allievi delle scuole isolane, specialmente nelle ore di inizio e termine delle lezioni, oltre che nello svolgimento di attività all’aperto.
 
Il progetto è rivolto ai volontari/e, desiderosi/e di cimentarsi, che hanno superato gli anni 18 di età e sono in possesso della idoneità psico-fisica per l’attività che si andrà a svolgere, oltre ai requisiti che sono previsti per la iscrizione all’Albo comunale dei Volontari.
 
Le attività proposte consistono in: a) vigilanza ed assistenza agli allievi che frequentano i plessi scolastici del territorio, in occasione della entrata e della uscita oltre che in occasione di spostamenti, passeggiate, eventi svolti all’aperto (eventualmente su richiesta ed in coordinamento con le istituzioni scolastiche); a titolo esemplificativo, detta attività si potrà sostanziare in stazionamento davanti ai plessi scolastici, presidio della segnaletica, accompagnamento degli allievi, segnalazione eventuali anomalie, presidiare fermate dell’autobus; b) assistenza a cortei e manifestazioni varie; c) eventuali altre attività compatibili con il Regolamento vigente ed eventualmente rese utili da esigenze sorte sul territorio, su proposta – ad esempio – degli stessi volontari.
 
Le attività dei volontari, la loro organizzazione e formazione saranno curate dalla Polizia Municipale.
 
Nessun limite alla disponibilità che può essere offerta, anche un’ora è preziosa ed è l’occasione per seguire, responsabilizzare, proteggere, accompagnare… amare un’isola che cresce.
 
A presto l’Avviso Pubblico di avvio del progetto con le modalità e i tempi per aderire
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

COMUNICATO STAMPA PARTE IL PROGETTO SPRAR DEL COMUNE DI PROCIDA

parte il progetto SPRARAccoglienza nell’Isola di Arturo.

Parte il progetto SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) sull’isola di Procida.

Il progetto prevede l’accoglienza di 34 beneficiari divisi in nuclei familiari, a gestirlo sarà Less Onlus, da 2004 ente gestore dello Sprar di Napoli. 

Il progetto, rivolto a nuclei familiari di richiedenti e titolari di protezione internazionale, prevede la realizzazione di progetti personalizzati in cui agli interventi materiali di base, quali l’erogazione di vitto e alloggio, si associano in maniera complementare percorsi di inserimento socio economico con una stretta relazione funzionale con i servizi di orientamento e tutela legale e le iniziative di inclusione sociale e culturale.

Il progetto di Accoglienza è stato implementato, in seguito all’aggiudicazione della gara, in concerto con l’amministrazione del Comune di Procida coniugando le Linee guida e gli standard dello SPRAR con le caratteristiche e le peculiarità dell’isola di Arturo.

La prima famiglia a sbarcare sull’isola è M. con il suo bambino.

fuggita da persecuzioni religiose nel suo Paese di origine.

“Nel progetto procidano abbiamo fatto confluire le migliori competenze di LESS Impresa Sociale Onlus – spiega Omar Abdul Rahman, coordinatore del progetto – per ciascun accolto costruiremo programmi personalizzati  per facilitare il percorso di integrazione nella comunità procidana.

Per noi é fondamentale il piano umano.

A supporto degli operatori di accoglienza, vi saranno le aree socio-sanitarie, legale, lavoro e integrazione. Queste tre aree seguiranno le famiglie accolte permettendo di superare le problematiche”. 

Le famiglie verranno accolte in 7 appartamenti sul territorio isolano.

L’obiettivo è evitare agglomerati ghettizanti, ma di dare la possibilità alle famiglie di condurre una vita normale e l’inserimento nella vita quotidiana della comunità.

La priorità? “La scuola, ovviamente – risponde Omar – l’apprendimento della lingua italiana è uno dei passaggi fondamentali per i nostri percorsi di accoglienza.

Migliore sarà la conoscenza della lingua, prima si abbatteranno le barriere tra richiedenti asilo e nativi.

Questa è la strada giusta per  favorire il percorso verso la riconquista dell’autonomia per i richiedenti asilo.

Per fortuna ci siamo resi conto che i procidani sono persone molto sensibili e accoglienti, merce rara in questi tempi e sono certo che le famiglie potranno finalmente sentirsi a casa dopo tante sofferenze”.

“Ringraziamo il sindaco e l’amministrazione del Comune di Procida per la grande generosità e passione per la causa – aggiunge Omar – tutto lo staff di LESS è rimasto colpito dalla voglia di mettersi al servizio con sincerità e competenza”.

All’arrivo sull’isola la ragazza e il suo bambino sono stati accolti nell’ appartamento dai procidani. “

Questa mattina con una rappresentanza  di un gruppo di volontari diamo il benvenuto al primo nucleo familiare del progetto – racconta raggiante Titta Lubrano Vicesindaco del Comune di Procida – Siamo certi che l’integrazione avverrà  in maniera naturale grazie allo spirito accogliente che da sempre contraddistingue i cittadini Procidani”.

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello