Area Marina Protetta

Sviluppo Mare Ischia e Procida: selezione pubblica per la nomina del Direttore e di un Responsabile Amministrativo e Finanziario della FLAG

Comunicato Stampa del Comune di Procida

Il Presidente della S.C.A.R.L. (società consortile a responsabilità limitata) “Sviluppo Mare Isola di Ischia e Procida”  Antonio Iacono rende noto che si intende procedere alla selezione pubblica per titoli e colloquio per la nomina del Direttore e di un Responsabile Amministrativo Finanziario della FLAG.

Si richiedono i consueti requisiti necessari per una carica pubblica: esperienza professionale, titoli di studio specifici, conoscenza della lingua inglese e conoscenze informatiche.

Il bando con fac-simile della domanda da presentare si potrà consultare via internet sul sito del Comune di Procida:

http://alboprocida.asmenet.it/allegati.php?id_doc=27090339&sez=p&data1=27/03/2017&data2=08/04/2017 

http://alboprocida.asmenet.it/allegati.php?id_doc=27090307&sez=p&data1=27/03/2017&data2=08/04/2017

o presso la segreteria del Sindaco.

La domanda di ammissione deve essere presentata entro le ore 12 del giorno 8 aprile 2017 e può essere inviata via pec all’indirizzo sviluppomareisole@cgn.legalmail.it o via postale all’indirizzo SCARL Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida, via San Giovan Giuseppe n.19 – 80077 Ischia.

A cura di Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Procida aderisce alla società consortile “Sviluppo Mare Isole di Procida e di Ischia”

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI PROCIDA

 

Da circa 3 anni, e precisamente dal 15 maggio 2014,  il Parlamento Europeo ha emanato il regolamento  relativo alla nuova politica economica comunitaria per la pesca,  dando altresì dei principi informatori per la formulazione dei programmi di intervento da attuare in materia di pesca e di acquacoltura nel periodo 2014-2020.

Ogni Stato membro, attraverso le Regioni,  ha dovuto predisporre  l’attuazione di tali nuovi norme anche per dare possibilità ai settori della pesca di partecipare  al Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca (FEAMP).

Solo nel luglio del 2016, la Giunta Regionale della Campania ha preso atto del Piano Operativo Nazionale ed ha istituito  la nascita dei FLAG, ossia organismi locali che hanno il compito di elaborare una strategia di sviluppo locale e il relativo Piano di Azione (PdA) onde concorrere al finanziamento.

A tal fine i Comuni di Procida e Ischia  già associatisi precedentemente  nel GAC sempre per lo sviluppo della pesca, hanno, nell’agosto del 2016, deliberato di dar seguito all’esperienza svolta  con il GAC e dar vita al FLAG Isole d’Ischia e Procida, il quale si  sarebbe impegnato ad inviare alla Regione entro il 5 ottobre  il Piano di Azione nonché a predisporre le politiche di sviluppo legate al mare e nei territori ricadenti nell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno.

Capofila di questo FlAG viene designato il Comune di Ischia.

A tal fine viene costituita la società Consortile “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida” con lo scopo di sviluppare e realizzare strategie di sviluppo locale, favorire interazioni tra operatori, settori e progetti, in maniera funzionale al soddisfacimento dei bisogni dell’Area di riferimento, e dare ai soci la possibilità di usufruire di servizi informativi, di assistenza tecnica e progettuale, nonché di coordinare iniziative comuni anche allo scopo di reperire risorse finanziarie per gli investimenti pubblici finalizzati ai servizi rivolti alle comunità locali.

Il Comune di Procida  nella seduta del Consiglio Comunale del 13 febbraio 2017, dopo ampia discussione che vedeva perplessi su alcuni punti della Delibera i due Consiglieri di Minoranza presenti,  ritenendo utile e necessario operare insieme ai Comuni di Ischia, ha deliberato la partecipazione alla Società Consortile “Sviluppo Mare isole di Ischia e di Procida” con la quota di partecipazione di  Euro 645,00.

La Delibera è stata approvata con 12 voti favorevoli, 2 astenuti e nessun contrario.

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Nomina del rappresentante del Comune di Procida nel Consorzio Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

Nel 2015 il Sindaco designò come rappresentante del Comune di Procida nel  Consorzio Area Marina Protetta Regno di Nettuno, il Dr Mario Carabellese, il quale oggi, per motivi professionali,  ha rinunciato a tale incarico con istanza presentata il 13 gennaio 2017.

Si rende pertanto necessario designare al più presto un  sostituto in tale importante incarico che ha, tra i suoi compiti fondamentali, quello di difendere il nostro mare, preservare le nostre baie balneabili dall’assedio dei motoscafi,  difendere la fauna e la flora marina, evitare che il mare che circonda Ischia e Procida diventi  autostrada sul mare, arrestando l’occupazione illegale di quello specchio d’acqua da parte dei motoscafi senza alcun controllo o regole precise.

Vista l’importanza di tale Consorzio il Sindaco, nel ambito della difesa dei beni ambientali, con un ordinanza del 17 gennaio 2017, invita i cittadini interessati a ricoprire questo importante ruolo, a presentare entro il 27 gennaio 2017 regolare istanza, precisando  dati anagrafici, indicazione del titolo di studio, Curriculum Vitae, fotocopia della carta di identità, dichiarazione circa l’insussistenza di cause ostative alla elezione a Consigliere Comunale come da modello specifico a disposizione presso la Casa Comunale.

L’istanza va presentata al Protocollo generale dell’Ente o inviato tramite mail al seguente indirizzo:  sindaco.procida@asmepec.it.

 

A cura di Vivere Procida

 

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • utile 
  • mediocre 
  • noioso 
  • bello 

Convegno “L’Isola di Procida: la rinascita sostenibile e l’economia della bellezza”

 

Venerdì 16 settembre nella chiesa di Santa Margherita Nuova si è tenuto il Convegno “L’isola di Procida: la rinascita sostenibile e l’economia della bellezza”. Una tavola rotonda di grande interesse, incentrata sul futuro di Palazzo d’Avalos e in generale del complesso carcerario di Terra Murata, che ha visto la partecipazione di rappresentanti delle Istituzioni regionali e nazionali, delle Università e di altre realtà scientifiche all’avanguardia, come l’ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile, ndr). Gli esiti di questa conferenza interesseranno non solo l’isola di Arturo, ma anche i territori limitrofi e, in generale, tutta la Campania. Ciò è dimostrato dalla presenza del Comune di Monte di Procida con il Sindaco Giuseppe Pugliese e l’Assessore Gerarda Stella.

Un’occasione concreta anche per aggiungere Procida ai Comuni sottoscrittori del Manifesto dello sviluppo sostenibile nelle isole minori italiane, lanciato dall’ANCIM (Associazione Nazionale dei Comuni delle Isole Minori, ndr) nell’Isola de La Maddalena lo scorso maggio.

b-dscn0516«Il senso di quest’iniziativa è quello di condividere pubblicamente il punto della situazione sul futuro di Palazzo d’Avalos e dell’ex Carcere di Terra Murata», così ha battezzato l’iniziativa il Sindaco Dino Ambrosino: «L’idea è quella di mettere insieme un “cartello” (in senso positivo) di Istituzioni pubbliche (le Università, l’ENEA, il Comune di Procida, la Regione Campania, alcuni Ministeri, ecc.) che possano avere in questa struttura un punto di riferimento». Un’ occasione, precisa il primo cittadino, anche per noi procidani «per riprendere il legame con Terra Murata, interrotto a partire dal 1988 con la chiusura del Carcere. A Terra Murata c’è la nostra storia e anche il Carcere, seppure fosse un luogo di pena, un luogo isolato, faceva parte della vita di Procida perché attorno a quella struttura c’era un’economia che coinvolgeva tutta la comunità isolana». Con la chiusura del Penitenziario è subentrato l’oblio, l’abbandono e, da allora, conclude il Sindaco, Terra Murata «non è più il cuore pulsante dell’isola, così come lo è stata nel corso della storia. Il nostro obiettivo è di farla tornare a essere quello che era, dopo la messa in sicurezza e il recupero di Palazzo d’Avalos, offrendo degli spazi».b-dscn0519

Nessuna intenzione, da parte dell’Amministrazione, di costruire “cattedrali nel deserto”, come sottolinea l’Assessore Antonio Carannante, il quale, come ricordiamo, tra le sue deleghe ha proprio Terra Murata. Nessuna intenzione, come da decenni si vocifera, di fare del Palazzo un mega albergo: «Oggi Procida non ha bisogno, almeno nell’immediato, di aumentare la ricettività. L’obiettivo non è quello di un’operazione economica di forte impatto sul territorio mirata all’aumento di posti letto, ma è qualcosa di più: creare un nuovo modello di sviluppo». Come si raggiunge questo obiettivo? Il primo passo sarà prendere confidenza con il Programma di Valorizzazione di Palazzo d’Avalos, redatto dall’Architetto Rosalba Iodice, in collaborazione con il dottor Enzo Peruffo della LUISS “Guido Carli” di Roma. È un testo fondamentale, prosegue Carannante, «un documento tecnico-giuridico che indica le linee guida per lo sviluppo, il restauro e la ri-funzionalizzazione della struttura e compito dell’Amministrazione sarà innanzitutto diffonderlo sul territorio» affinché tutti i procidani siano a conoscenza delle reali condizioni e delle possibilità che può offrire l’intero complesso.

Possibilità che, dopo il breve saluto del dottor Vittorio Violante dell’ENEA («Questo incontro una grande sfida per restituire all’isola la maestosità che le appartiene»), sono state illustrate proprio dall’Architetto Iodice. «La superficie da recuperare e rivalorizzare è di circa 20.000 mq» ha subitob-dscn0527 precisato dopo un breve viaggio nella storia del Palazzo, con foto e documenti d’epoca, «Nel 2013 Procida è stato uno dei primi Comuni d’Italia ad acquisire un bene vincolato. L’obiettivo del Programma è la tutela e la valorizzazione del complesso e prevede l’utilizzazione del bene con una destinazione culturale e turistico-ricettiva». Si aprono quindi tutta una serie di possibilità, per esempio, riguardo la destagionalizzazione del turismo culturale e congressuale, come le Scuole per l’Alta Formazione, Summer e Winter Schools, delle Università campane e non solo, un atelier per gli artisti, un “percorso museale della Memoria” dedicato anche alla Marineria procidana. Per il tenimento agricolo – circa 18.000 dei 20.000 mq dell’intera area – l’idea, secondo l’Architetto, potrebbe essere quella di recuperare le tradizioni agricole isolane (nello specifico: vino, limoni, carciofi e altri ortaggi),  ospitare artigianato e terziario avanzato. Ma le difficoltà sono soprattutto di natura finanziaria e gestionale. Il consolidamento e restauro di Palazzo d’Avalos è stimato intorno ai 25 milioni di euro. E, ha concluso Iodice, «Il Comune ha 14 anni per realizzare il restauro e la valorizzazione, tempi legati all’effettiva erogazione del finanziamento pubblico e alle procedure per inserire gli investitori privati».

Il microfono passa a Francesco Izzo, Professore Ordinario di Strategia d’Impresa alla Seconda Università di Napoli, il quale propone un approccio socio-economico al dibattito. E va subito al nocciolo della questione: «Il recupero e la valorizzazione di Terra Murata è una missione quasi impossibile se non si parte dal senso di comunità, se non si ritorna a pensare a Terra Murata come parte integrante dell’isola» esordisce Izzo, che riguardo alla pianificazione del futuro riconosce due categorie: il fare senza progettare e  il progettare senza fare («la categoria dominante»). «La grande sfida sarà dimostrare che si può fare progettando».

 b-dscn0574Gli esempi non mancano, come l’isola scozzese in cui gli abitanti hanno acquistato il castello e lo gestiscono tutti insieme, come comunità: «È come se i procidani acquistassero Palazzo d’Avalos e lo amministrassero» Dove sta l’inghippo? «Procida è l’isola più densamente popolata del Mediterraneo con 2.600 abitanti per chilometro quadrato e non ha vocazione turistica, non l’ha mai avuta. È un’isola di mare, di gente che ha navigato e che continua a navigare. E questo da un lato ha contribuito a preservare una certa autenticità», ma dall’altro potrà costituire un ostacolo allo sviluppo turistico.

Dal punto di vista economico, i grandi costi legati al recupero di una struttura come l’ex-Carcere, non devono considerarsi un problema, secondo il professore, dato che in alcuni luoghi italiani si è scelta una strategia particolare: se non ci sono soldi per il recupero o la valorizzazione di un bene, si punta a far innamorare un Ministro o un Presidente del Consiglio e così, come per magia si ottengono i finanziamenti.

Ma riguardo l’attività turistica, che comunque resta il filone economico su cui Procida deve puntare, quale dev’essere la tipologia di turismo su cui puntare? Izzo non ha dubbi: il turismo ideale per Procida è il turismo culturale evoluto, «quello della coda lunga», senza segmenti dominanti, «destinato a diverse nicchie di mercato che possano convivere» e che sappiano risaltare un senso culturale evoluto in una realtà autentica.

Puntare dunque su un’economia della conoscenza e del vivere bene, un’economia della creatività, un’imprenditoria leggera, incentrata sul digitale; e tornare a abitare gli spazi in maniera autentica, rispettando la natura, magari attraverso esperimenti come l’albergo diffuso. Un progetto ambizioso, sottolinea Izzo, che non deve lasciare niente al caso. «Senza piano strategico nessuna nave raggiunge il porto e senza il coinvolgimento della comunità locale sarà inutile andare a cercare finanziamenti altrove. Soltanto attraverso la conoscenza si può essere poi custodi della bellezza». Anche perché, conclude, «Una volta partiti, non si potrà tornare indietro».

La dottoressa Giannina Usai, Segretaria nazionale dell’ANCIM, invece è di tutt’altro avviso: «Credo che sia passato il periodo in cui ci potesse essere un bel fiume, un ruscello, un torrentello di denaro. È passato il tempo in cui possiamo sperare che qualche Ministro o Presidente del Consiglio si innamori dei nostri patrimoni. Ciò che stiamo facendo con l’ANCIM è, detto brutalmente, guardare nelle tasche di tutti, per andare a creare un “paniere finanziario diversificato”», rivolgendosi a realtà istituzionali, scientifiche, private ecc..

b-dscn0578Da dove bisogna cominciare? «Le condizioni per uno sviluppo economico e sociale di Procida non le stiamo creando adesso, ma esistevano già nel passato» sostiene la dottoressa Usai e tiene un breve excursus nella storia dell’isola a partire dall’antichità: «Già ai tempi dei Romani Procida era meta turistica. Sono state costruite ville bellissime e l’isola era molto apprezzata dai patrizi, perché ritenuto un posto di grande pregio e di grande attrattiva; nel Medioevo fu luogo di immigrazione a causa delle invasioni longobarde e delle scorrerie dei pirati saraceni». E poi i d’Avalos e le novità rinascimentali che ridanno splendore e prestigio all’isola, fino alla metà del Settecento quando Procida diventa dimora prediletta per le vacanze della corte Borbonica.

 Anche nel 20.mo secolo l’isola di Graziella ha fatto parlare di sé: «Nel 1957 a Procida fu costruito il primo acquedotto sottomarino d’Europa». Ma tutto ciò non costituisce una novità per la Segretaria dell’ANCIM, in quanto «Le isole italiane sono sempre state luoghi di eccellenza». E, in quanto tali, possono raggiungere obiettivi notevoli. b-dscn0517L’impegno dell’ANCIM negli ultimi anni ha prodotto risultati importanti a livello nazionale, ottenendo un contratto di sviluppo con il Ministero dei Beni Culturali, con il Ministero dell’Ambiente – da estendere anche al Ministero dello Sviluppo Economico – e con il Ministero Politiche Agroalimentari, un accordo con l’ENEA già in attuazione, con il CONAF (Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Forestali), con il Dipartimento della Protezione Civile e con Italia Navigando.

Una delle ultime imprese è stata – nel maggio scorso in Sardegna – la sottoscrizione da parte dei Comuni appartenenti all’ANCIM del “Manifesto per lo sviluppo sostenibile delle isole minori”, in cui i firmatari si impegnano a «trovare e sperimentare soluzioni appropriate, tenendo conto delle caratteristiche fisiche e geomorfologiche che ogni isola esprime» e a «predisporre progetti strategici integrati tra i vari settori, in correlazione con il progetto strategico più generale di un nuovo modello di sviluppo incentrato sulla valorizzazione di beni culturali, tradizioni e paesaggio».

firma-manifesto-sviluppo-sostenibileDa venerdì anche Procida rientra tra i sottoscrittori del Manifesto, grazie alla firma del Sindaco, della Sottosegretaria al Ministero dell’Ambiente l’Onorevole Silvia Velo, della Soprintendente alle Belle Arti e al Paesaggio di Napoli Dottoressa Adele Campanelli e i professori Massimiliano Marazzi e Augusto Guarino, rappresentanti rispettivamente delle Università napoletane “Suor Orsola Benincasa” e “Orientale”.

 «Procida è una punta avanzata nel discorso della cultura come volano economico. Negli anni, ho notato una grande attenzione nella vostra isola per la valorizzazione dei beni culturali e per tematiche ambientalistiche», ha aggiunto la dottoressa Usai, «È importante anche ripartire dal contributo di idee dei cittadini per creare un patrimonio comune, come già fatto in passato».Carmine Marinucci

Il Dottor Carmine Marinucci, amministratore delegato dell’ENEA (l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), ricorda innanzitutto il curriculum delle attività dell’Agenzia a livello nazionale e internazionale e poi annuncia: «Come prevede il protocollo d’intesa stipulato con l’ANCIM, e nel disegno complessivo che vede Procida come server per gli altri Comuni per quanto riguarda la Formazione, a novembre lanceremo il nostro laboratorio a Procida».

È il momento della dottoressa Laura Cherubini, vice presidente del Museo MADRE di Napoli, che è subito propositiva: «L’Italia è composta di Arte, Architettura e Paesaggio. Quale luogo più bello di Procida potrebbe far incontrare queste tre realtà. Le isole sono luoghi magici». E suggerisce un esempio che viene dal passato: «Mi piacerebbe ripartire da un tipo di passato che ha visto a Procida mostre straordinarie come “L’agave sullo scoglio” dedicata a Cesare Brandi, con opere di artisti internazionali».

Laura CherubiniGli strumenti ci sono, aggiunge la vice-presidente del MADRE: «È nata da poco un’Associazione alla quale ho aderito con entusiasmo: l’Associazione “Biancavvela”, dal nome di un’opera di Pino Pascali. Un’Associazione che, come tante altre, ha delle competenze che si devono mettere al servizio del progetto straordinario che sto ascoltando oggi», per poter puntare a un turismo “esperienziale”, cioè «un turismo che non deve sfruttare i luoghi, ma deve immergersi nei luoghi».

E si augura che il Museo MADRE si diventi presto un “compagno di viaggio” l’Assessore alla Cultura Nico Granito, che ringrazia «una carissima amica, Maria Gloria Conti Bicocchi, che ha reso possibile il contatto con Laura Cherubini». «Palazzo d’Avalos» esordisce l’Assessore, «è un monumento importantissimo con dei muri che parlano e dei silenzi assordanti e richiede una programmazione attenta, rispettosa del luogo. Gli interventi dovranno essere studiati in situ».Nico Granito

Ciò che è necessario, secondo Granito, è creare percorsi che si possano integrare con questi luoghi: uno sicuramente sulla memoria, sul lascito del vecchio carcere. «Tanti artisti o curatori di musei che hanno visitato Palazzo d’Avalos sono rimasti affascinati da ciò che vedono tra quelle mura, penso per esempio al mucchio di abiti e scarpe ancora impilati».

Ma ci tiene a sottolineare una cosa, sul futuro: «Abbiamo una responsabilità didattica, formativa. Palazzo d’Avalos diventerà una scuola permanente: una fabbrica di emozioni e bellezza, che possa sprigionare bellezza e non imprigionarla. Questo è possibile trovando i partner giusti, e penso che oggi si stanno ponendo tasselli importanti».

Serena AngioliGli ultimi due interventi della mattinata sono riservati alle istituzioni regionali e nazionali, con l’Assessore con delega ai Fondi Europei della Regione Campania Serena Angioli e l’ Onorevole Silvia Velo, Sottosegretaria del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del Mare. «C’è bisogno di una vocazione europea e non regionale» debutta così l’Assessore Angioli, «Non basta affidarsi solo a competenze regionali, ma la Regione può farsi portatrice di una progettualità che deve superare i confini nazionali». Non si tratta solo di teoria, spiega, perché «La Campania è prima nelle opportunità investitorie del piano Juncker (il piano di investimenti per far ripartire la crescita economica nel Vecchio Continente, ndr)».

Il punto di partenza, secondo Angioli è l’individuazione del percorso da seguire, che può essere il valore storico dei luoghi. E allargare il discorso includendo le nuove tecnologie, così da creare un doppio binario: uno che guarda indietro e l’altro che guarda avanti. «Un perfetto equilibrio tra la valorizzazione del bene e la sua fruizione», pure perché, ribadisce l’Assessore Regionale, bisogna considerare Palazzo d’Avalos non solo nel contesto procidano, ma anche in quello regionale e nazionale.

Poi alcune indicazioni finali: una riguardo al recupero della struttura: «Non credo che bisogna prima risanare e poi gestire. Un investitore privato non interverrà tra 10 anni quando il bene sarà risanato. Un investitore in cultura, in turismo, in arte, dev’essere attivo fin dall’inizio, perché gli investitori guardano lontano». Un’altra a proposito del futuro di alcune zone del Palazzo, come il tenimento agricolo «Aprire dei canali con il Ministero del Lavoro e/o della Ricerca orientati sull’agroalimentare. Molti premi Nobel visitano la Campania nel disinteresse generale: chissà che un giorno non possano venire a Procida» e i locali interni «Promuovere un settore in crescita come i mestieri del mare e puntare a una politica investitoria sugli artisti e sull’autonomia degli artisti (in tutti i sensi): arti visive, espressive, comunicative che manca in Italia, e nello specifico in Campania. Stiamo analizzando le possibili soluzioni per sostenere gli artisti e renderli poi autonomi, soprattutto per quanto riguarda il loro inserimento nel mercato. Questi sono filoni a cui Procida, per le suggestioni che genera, non può non guardare».

Infine un invito al Sindaco e a chiunque fosse interessato, al convegno internazionale che si terrà il 28 ottobre a Caserta per discutere sul patrimonio pubblico e privato.

Di tutt’altro taglio, ma comunque inerente ai temi trattati, l’intervento della Sottosegretaria del Ministero dell’Ambiente Silvia Velo. Un contributo sul tema, altrettanto spinoso per la nostra isola, della tutela dei beni ambientali: «Procida riscuote molto interesse per il Ministero» e, nello specifico, «L’area marina protetta “Regno di Nettuno”, in ci sono ambienti diversi che coesistono, è una nostra priorità. Ci stiamo impegnando affinché si Silvia Veloapplichi nelle Aree Marine Protette la “Carta europea per il turismo sostenibile nelle Aree Protette”: uno strumento individuato dall’Unione Europea per sviluppare il turismo nelle aree naturali protette, a cui ci potremmo agganciare anche col il progetto di Procida e la riserva naturale di Vivara».

Un’altra priorità è l’autosufficienza energetica delle isole minori e sulla valorizzazione dei beni ambientali e culturali. «I beni ambientali e culturali spesso coesistono. I beni culturali sono tali perché sono anche beni ambientali e paesaggistici. Con il Ministero dei Beni Culturali stiamo sottoscrivendo un accordo sulla elaborazione di un piano strategico di sviluppo del turismo che preveda la tutela e la valorizzazione contemporanea di beni ambientali e culturali, come strumento per sviluppare un turismo sostenibile, mirato non solo all’ intensificazione delle presenze, ma alla loro “estensione”».

La sfida, dunque, è recuperare e riaffermare la leadership del nostro Paese, come Paese legato al turismo, puntando sulle nostre eccellenze. Coniugando la tutela e la conservazione con la valorizzazione. Riguardo a Palazzo d’Avalos, l’onorevole Velo è chiara: «Senza un’ idea di come si utilizza un bene, è impossibile recuperarlo e tutelarlo».

E in generale esorta i procidani a «rendere le peculiarità dell’isola un’opportunità». «Insieme al Comune di Procida e altri enti e istituzioni bisogna superare il commissariamento dell’Area Marina Protetta, perché queste aree devono vedere il protagonismo dei territori. Un protagonismo responsabile».

Dopo la breve pausa pranzo, i lavori riprendono con l’intervento del Dottor Andrea Durante, che delinea i punti cardine dell’ELDOR Corporation: «Per spiegare la nostra azienda (che ha sede a Como e si occupa di ricerca, sviluppo e produzione di sistemi elettrici di tecnologia avanzata, ndr) servono 3 parole: sogno, passione, tecnologia. Non si può vivere senza sogni e il sogno di ELDOR è di poter vivere in un mondo migliore, più bello e più pulito».

Andrea DuranteCome arrivare a questo sogno? «Attraverso la passione: partendo dall’ingegneristica legata agli apparecchi televisivi, negli anni 90 l’azienda ha cominciato a spostare la sua attenzione verso il settore automotive (progettazione, costruzione e commercializzazione dei veicoli a motore, ndr), diventando, dal 2002, leader mondiale nella produzione di meccanismi di accensione. Quindi la passione da la forza di accettare nuove sfide. Come sono riusciti i nostri componenti a raggiungere tutto il mondo? Attraverso la tecnologia».

Ma sogno, passione e tecnologia non bastano, precisa Durante, perché il mondo è in continua evoluzione e bisogna continuare a crescere, a essere competitivi. In che direzione sta andando il mondo? «Verso la tecnologia della mobilità sostenibile, verso il minor impatto ambientale».

E proprio in vista di questo obiettivo consisterebbe il contributo di ELDOR per Procida: laboratori e scuole di Alta Formazione. Avviare una ricerca su tecnologie avanzate nel settore della mobilità sostenibile: «Procida è un luogo di bellezza: riuscire a valorizzare il territorio con un progetto visionario come quello di cui si sta discutendo oggi, dove si può mettere insieme la tecnologia, la formazione (componente fondamentale per l’evoluzione dell’umanità), l’educazione, l’etica, la bellezza».

Uno dei motivi del successo di ELDOR sono i valori, puntualizza il Dottor Durante. «Nessuna società può durare a lungo senza un sistema forte di valori: né le nazioni, né le imprese. L’economia senza etica genera mostri».

 In rappresentanza dell’Autorità di Bacino interviene l’architetto Raffaella Nappi: «il nostro ente ha 8 distretti a livello nazionale e quello meridionale è Raffaella Nappiil più grande. Negli ultimi 5 anni abbiamo fatto dei progressi, anche grazie a un lavoro di interrelazione con altre realtà sul territorio». Per quanto riguarda Procida, l’architetto Nappi è chiara: «Purtroppo molti dei beni culturali a Procida si trovano su terreni a rischio frane. C’è bisogno quindi di una certa cautela negli interventi».

Nel quinquennio 2016-2021 (nelle misure da attuare per la difesa e tutela dei territori), però, la nostra isola «potrebbe rappresentare un’area pilota nella sperimentazione di metodologie e opportunità che guardano alla realizzazione di progetti innovativi e soprattutto sostenibili», perciò «Il nostro contributo come Autorità di Bacino è di fornire e proporre Procida come area di laboratori e osservatori del Bacino del Mediterraneo».

Valorizzazione e conservazione, le due parole chiave del Convegno, sono anche alcuni punti fermi del lavoro di ENEA sulla mobilità sostenibile, come specifica il dottor Antonino Genovese, esperto ENEA sulla mobilità sostenibile. “Valorizzare” nel senso di ottimizzare i percorsi e i mezzi aAntonino Genovese disposizione per  soddisfare le necessità delle persone di spostarsi sul territorio e “conservare” nel senso di «Tutelare il patrimonio che vogliamo rendere fruibile, quindi adottare delle tecnologie di mobilità che non vadano a impattare sul principio della conservazione».

Quali sono queste tecnologie? I mezzi elettrici. I turisti apprezzerebbero di più andare in giro con una bici o un motorino elettrico, piuttosto che con un mezzo a motore. In funzione di quelle che sono le esigenze della mobilità», suggerisce Genovese «possiamo realizzare delle strutture di ricarica per mezzi elettrici adatte al territorio, come già fatto a Roma, ad esempio. Inoltre, anche le aziende di trasporto pubblico possono adottare mezzi elettrici». E nel caso l’adozione dei mezzi elettrici non dovesse attecchire o avesse dei problemi? «Si potrebbe ricorrere all’uso dell’ idrogeno».

Si passa a parlare nello specifico al tenimento agricolo di Palazzo d’Avalos, nei pressi della Spianata. Prende la parola il Consigliere Comunale con Giovanni Scotto di Carlodelega all’Agricoltura Giovanni Scotto di Carlo. «Prendendo spunto dall’intervento del professor Izzo» esordisce Scotto di Carlo, «mi sento di dire che noi abbiamo la necessità, prima ancora di fare innamorare un Ministro del bene, di farne innamorare i procidani. Quindi è necessario individuare “percorsi” nei quali i procidani possano, “sporcandosi le mani” (nel senso buono del termine), fare cose concrete all’interno di Palazzo d’Avalos. Solo così possiamo maturare una consapevolezza tale da considerarlo un bene comune».

È importante colmare alcune lacune il prima possibile: «È urgente far partire questo percorso di consapevolezza nella popolazione, ed è ugualmente urgente recuperare le agricolture tradizionali valorizzando le tecniche di agricoltura biologica». Una delle destinazioni possibili dei 18.000 mq di terreno “spianato”, spiega il Consigliere con delega all’Agricoltura, è «un programma, “Campania Bio-Sociale”, condiviso con i Comuni di Bacoli e Monte di Procida, destinato al recupero degli orti comunali da adibire all’agricoltura sociale. La finalità è la produzione e conservazione di prodotti legati al territorio, da immettere poi sul mercato».

A corroborare le idee di Giovanni Scotto di Carlo ci pensa Salvatore Basile dell’A.I.A.B. (Associazione Italiana Agricoltura Biologica, ndr) e Presidente Rete Internazionale Bio-Distretti. «Attraverso il tenimento agricolo si potrebbe realizzare un progetto dal basso che coinvolga la popolazione, per la creazione di un bio-distretto flegreo o dell’arcipelago partenopeo» sostiene Basile.

E c’è di più: «Procida, grazie alla sua grande importanza per l’agricoltura e per le tecniche agricole a livello mondiale (a Vivara, per esempio, sono Salvatore Basilenate alcune tecniche di agricoltura biologica), può candidarsi a portare avanti questo progetto pilota, perché nelle isole ci sono condizioni eccezionali sia per la sopravvivenza, che per la valorizzazione della bio-diversità e il mantenimento dell’equilibrio degli agro-sistemi e ecosistemi».

Ma cos’è e a cosa serve un bio-distretto? «Con il bio-distretto non si crea nulla, ma si fa rete. Si mettono insieme produttori agricoli, imprenditori del settore, consumatori e amministrazioni. L’amministrazione deve comunque continuare a svolgere i suoi compiti, come per esempio gestire il bene pubblico utilizzando prodotti naturali, ponendo sempre più attenzione alla sostenibilità e sensibilizzare la cittadinanza sui temi legati all’agricoltura biologica e all’alimentazione: anche mangiare è educazione. Nel bio-distretto, inoltre, si fa agricoltura sociale, si coinvolgono soggetti svantaggiati o con difficoltà di inserimento. E qui a Procida ci sono Associazioni come “21 Salva Tutti” che fungono da apripista».

Per l’architetto Adele Campanelli, Direttore della Soprintendenza alle Belle Arti e al Paesaggio di Napoli, è arrivato il momento di  «avviare progetti diversi in cui tutte le componenti devono essere in sinergia. Attivare un patrimonio multidisciplinare finalizzato a un solo obiettivo: mettere a disposizione questo patrimonio sostenibile per i nostri giovani. Dobbiamo consegnare al futuro un’isola con la sua specificità, che possa ospitare diverse componenti. Abbiamo la possibilità di creare qualcosa di unico».

Adele CampanelliSi tratta, secondo l’architetto Campanelli di pensare a progetti che siano specifici di questo luogo, perché ciò che insegna l’utilizzo che si è fatto dei Fondi Europei nel tempo, «è che non vanno sottoposti a restauro case, chiese e edifici vuoti, altrimenti non abbiamo offerto un buon servizio alla comunità, alla quale dobbiamo lasciare contenuti e contenitori. Quindi lo sforzo che la Soprintendenza sta facendo è quello di dare un contenuto a questo contenitore meraviglioso, che sono i Campi Flegrei, di cui Procida è parte integrante dal punto di vista archeologico, biologico, naturalistico».

Immagina Procida come meta di “viaggiatori” e non di “turisti”, perché «il turismo ha un’accezione consumistica e superficiale, mentre il “viaggiatore” mi fa immaginare un altro tempo, un altro modo di fruire i panorami, le luci, i colori di un’isola che si può percorrere da una parte all’altra a piedi, dove non si fa shopping se non quando necessario». E conclude con una promessa: «Io sono pronta ad ascoltare il territorio, spero che il territorio sia pronto a rispondere».

È il momento delle Università: comincia la Suor Orsola Benincasa con un intervento da “manuale del perfetto oratore” del professor MassimilianoMassimiliano Marazzi Marazzi. A Procida per lavoro dal 1975, Marazzi dirige gli scavi archeologici a Vivara. Nel suo breve discorso si sofferma su tre aspetti: 1) la ricerca, 2) il fare e, 3) la formazione.

Riguardo il primo punto, «forse non tutti sanno che Procida è stata scelta come luogo privilegiato di sperimentazione di tutta una serie di tecnologie avanzate che si occupano della ripresa, lo studio, il monitoraggio sia della superficie immediatamente emersa che di quella immediatamente sommersa del mare. Quindi la ricerca è viva».

In secondo luogo, parla dell’Area Espositiva TERRA, all’interno del Palazzo della Cultura, in cui «si racconta anche attraverso una sequenza di dispositivi multimediali le ricerche geologiche/archeologiche sulla Procida più antica» e propone di farne un Museo Comunale. A proposito della formazione, «È partita quest’anno la prima scuola di formazione nelle tecnologie avanzate applicate ai beni archeologici. Abbiamo ospitato 25 persone e l’anno prossimo vorremmo portarne 52 – 20-30 dei quali provenienti da altri paesi della Comunità Europea – allargandoci anche al settore archeologia subacquea. Magari a settembre», sottolinea, «altrimenti ad agosto c’è il rischio di essere decapitati dai motoscafi e gli yacht in transito. Vorrei che questa Scuola di Formazione estiva a Procida diventasse qualcosa di stabile, così da aumentare esponenzialmente il numero dei partecipanti e – perché no? – diventare anche una Winter School».

Porte aperte naturalmente anche ai procidani: «Grazie agli spazi messi a disposizione dall’Amministrazione e dalla Soprintendenza, abbiamo dato la possibilità di lavorare a giovani restauratrici e restauratori procidani sui materiali ritrovati a Vivara, quindi esistono le condizioni per coinvolgere la popolazione». A questo punto la palla passa a Procida, ai procidani e a chi li amministra, perché, come conclude Marazzi: «Noi mettiamo a disposizione tutto questo: ci chiamerete? Reagirete? Noi lo speriamo. Mi piacerebbe vedere un “contesto” procidano consolidato, almeno per quanto riguarda l’Archeologia, per fare di Procida anche un polo di formazione nel settore dei beni culturali archeologici»

L’ultimo intervento è del professor Augusto Guarino dell’Università “L’Orientale”, che debutta con una domanda «Quale può essere il ruolo dell’Università?». La risposta sta già nel nome, «Un’ Università può mettere a disposizione i propri saperi non solo a livello locale». Infatti, da più di Augusto Guarino10 anni si tengono – al secondo piano del Palazzo della Cultura – Summer Schools e Convegni internazionali in collaborazione con Atenei italiani e internazionali (come l’Università di San Diego, in California).

«Nello specifico, un’Università tutta umanistica come l’Orientale può indagare la vocazione storica di Procida. Se quest’isola già nel 15.mo/16.mo secolo aveva 10.000 abitanti, è perché è un luogo di intensa produzione, di cultura materiale e scientifica», sostiene il professor Guarino.

Riguardo al discorso legato al recupero di Palazzo d’Avalos, si dice soddisfatto che non si tratti di un progetto «calato dall’alto, ma di un piano di cui si fa carico la rappresentanza politica della cittadinanza, cioè il Comune. Quest’Amministrazione ha pensato di riservare una delega all’agricoltura. Non è banale ricordare che le colture sono cultura e che la cultura è coltura. Se non si coltiva l’aspetto culturale, diventa un aspetto astratto».Pubblico

E conclude: «Non si tratta solo di riflettere su cosa noi possiamo dare a Procida, ma anche, al contrario, cosa Procida può dare a noi. In questo progetto importante che si sta conducendo in maniera virtuosa, noi faremo tutto lo sforzo possibile per essere presenti, non solo per dare qualcosa a quest’isola, ma perché siamo sicuri che quest’isola ci darà molto in cambio».

 

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Convegno “L’isola di Procida: la rinascita sostenibile e l’economia della bellezza” – Seconda Parte

Seconda parte del resoconto riguardante il Convegno L’isola di Procida: la rinascita sostenibile e l’economia della bellezza” che si è svolto venerdì scorso nella chiesa di Santa Margherita Nuova. Nella prima parte gli interventi del Sindaco Dino Ambrosino, dell’Assessore con delega a Terra Murata Antonio Carannante, del Dottor Vittorio Violante dell’ENEA e dell’Architetto Rosalba Iodice.

Il microfono passa a Francesco Izzo, Professore Ordinario di Strategia d’Impresa alla Seconda Università di Napoli, il quale propone un approccio socio-economico al dibattito. E va subito al nocciolo della questione: «Il recupero e la valorizzazione di Terra Murata è una missione quasi impossibile se non si parte dal senso di comunità, se non si ritorna a pensare a Terra Murata come parte integrante dell’isola» esordisce Izzo, che riguardo alla pianificazione del futuro riconosce due categorie: il fare senza progettare e  il progettare senza fare («la categoria dominante»). «La grande sfida sarà dimostrare che si può fare progettando».

 b-dscn0574Gli esempi non mancano, come l’isola scozzese in cui gli abitanti hanno acquistato il castello e lo gestiscono tutti insieme, come comunità: «È come se i procidani acquistassero Palazzo d’Avalos e lo amministrassero» Dove sta l’inghippo? «Procida è l’isola più densamente popolata del Mediterraneo con 2.600 abitanti per chilometro quadrato e non ha vocazione turistica, non l’ha mai avuta. È un’isola di mare, di gente che ha navigato e che continua a navigare. E questo da un lato ha contribuito a preservare una certa autenticità», ma dall’altro potrà costituire un ostacolo allo sviluppo turistico.

Dal punto di vista economico, i grandi costi legati al recupero di una struttura come l’ex-Carcere, non devono considerarsi un problema, secondo il professore, dato che in alcuni luoghi italiani si è scelta una strategia particolare: se non ci sono soldi per il recupero o la valorizzazione di un bene, si punta a far innamorare un Ministro o un Presidente del Consiglio e così, come per magia si ottengono i finanziamenti.

Ma riguardo l’attività turistica, che comunque resta il filone economico su cui Procida deve puntare, quale dev’essere la tipologia di turismo su cui puntare? Izzo non ha dubbi: il turismo ideale per Procida è il turismo culturale evoluto, «quello della coda lunga», senza segmenti dominanti, «destinato a diverse nicchie di mercato che possano convivere» e che sappiano risaltare un senso culturale evoluto in una realtà autentica.

Puntare dunque su un’economia della conoscenza e del vivere bene, un’economia della creatività, un’imprenditoria leggera, incentrata sul digitale; e tornare a abitare gli spazi in maniera autentica, rispettando la natura, magari attraverso esperimenti come l’albergo diffuso. Un progetto ambizioso, sottolinea Izzo, che non deve lasciare niente al caso. «Senza piano strategico nessuna nave raggiunge il porto e senza il coinvolgimento della comunità locale sarà inutile andare a cercare finanziamenti altrove. Soltanto attraverso la conoscenza si può essere poi custodi della bellezza». Anche perché, conclude, «Una volta partiti, non si potrà tornare indietro».

La dottoressa Giannina Usai, Segretaria nazionale dell’ANCIM, invece è di tutt’altro avviso: «Credo che sia passato il periodo in cui ci potesse essere un bel fiume, un ruscello, un torrentello di denaro. È passato il tempo in cui possiamo sperare che qualche Ministro o Presidente del Consiglio si innamori dei nostri patrimoni. Ciò che stiamo facendo con l’ANCIM è, detto brutalmente, guardare nelle tasche di tutti, per andare a creare un “paniere finanziario diversificato”», rivolgendosi a realtà istituzionali, scientifiche, private ecc..

b-dscn0578Da dove bisogna cominciare? «Le condizioni per uno sviluppo economico e sociale di Procida non le stiamo creando adesso, ma esistevano già nel passato» sostiene la dottoressa Usai e tiene un breve excursus nella storia dell’isola a partire dall’antichità: «Già ai tempi dei Romani Procida era meta turistica. Sono state costruite ville bellissime e l’isola era molto apprezzata dai patrizi, perché ritenuto un posto di grande pregio e di grande attrattiva; nel Medioevo fu luogo di immigrazione a causa delle invasioni longobarde e delle scorrerie dei pirati saraceni». E poi i d’Avalos e le novità rinascimentali che ridanno splendore e prestigio all’isola, fino alla metà del Settecento quando Procida diventa dimora prediletta per le vacanze della corte Borbonica.

 Anche nel 20.mo secolo l’isola di Graziella ha fatto parlare di sé: «Nel 1957 a Procida fu costruito il primo acquedotto sottomarino d’Europa». Ma tutto ciò non costituisce una novità per la Segretaria dell’ANCIM, in quanto «Le isole italiane sono sempre state luoghi di eccellenza». E, in quanto tali, possono raggiungere obiettivi notevoli. L’impegno dell’ANCIM negli ultimi anni ha prodotto risultati importanti a livello nazionale, ottenendo un contratto di sviluppo con il Ministero dei Beni Culturali, con il Ministero dell’Ambiente – da estendere anche al Ministero dello Sviluppo Economico – e con il Ministero Politiche Agroalimentari, un accordo con l’ENEA già in attuazione, con il CONAF (Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Forestali), con il Dipartimento della Protezione Civile e con Italia Navigando.

Una delle ultime imprese è stata – nel maggio scorso in Sardegna – la sottoscrizione da parte dei Comuni appartenenti all’ANCIM del “Manifesto per lo sviluppo sostenibile delle isole minori”, in cui i firmatari si impegnano a «trovare e sperimentare soluzioni appropriate, tenendo conto delle caratteristiche fisiche e geomorfologiche che ogni isola esprime» e a «predisporre progetti strategici integrati tra i vari settori, in correlazione con il progetto strategico più generale di un nuovo modello di sviluppo incentrato sulla valorizzazione di beni culturali, tradizioni e paesaggio».

Da venerdì anche Procida rientra tra i sottoscrittori del Manifesto, grazie alla firma del Sindaco, della Sottosegretaria al Ministero dell’Ambiente l’Onorevole Silvia Velo, della Soprintendente alle Belle Arti e al Paesaggio di Napoli Dottoressa Adele Campanelli e i professori Massimiliano Marazzi e Augusto Guarino, rappresentanti rispettivamente delle Università napoletane “Suor Orsola Benincasa” e “Orientale”.

 «Procida è una punta avanzata nel discorso della cultura come volano economico. Negli anni, ho notato una grande attenzione nella vostra isola per la valorizzazione dei beni culturali e per tematiche ambientalistiche», ha aggiunto la dottoressa Usai, «È importante anche ripartire dal contributo di idee dei cittadini per creare un patrimonio comune, come già fatto in passato».

2 – continua

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Attuazione del Manifesto per lo Sviluppo Sostenibile nelle Isole Minori

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

Ieri, in occasione del Convegno “Isola di Procida: la rinascita sostenibile e l’economia della bellezza” il Sindaco Dino Ambrosino, insieme al Segretario dell’ANCIM Giannina Usai, al Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del Mare On. Silvia Velo, alla Direttrice della Soprintendenza alle Belle Arti e Paesaggio di Napoli Dottoressa Adele Campanelli e ai rappresentanti delle Università Suor Orsola Benincasa e “L’Orientale” hanno firmato il “Manifesto per lo sviluppo sostenibile nelle isole minori – Maggio 2016. Dalla Dichiarazione dei Principi all’Attuazione”.

Si tratta di un documento importante, in quanto i firmatari – come si legge sulla carta – si impegnano concretamente a «creare un nuovo modello di sviluppo, che coinvolga i cittadini, che stimoli le istituzioni, che incoraggi il turismo e che possa essere di esempio per altre realtà insulari».

L’impegno concreto dei sottoscrittori è «trovare e sperimentare soluzioni appropriate, tenendo conto delle caratteristiche fisiche e geomorfologiche che ogni isola esprime» e a «predisporre progetti strategici integrati tra i vari settori, in correlazione con il progetto strategico più generale di un nuovo modello di sviluppo incentrato sulla valorizzazione di beni culturali, tradizioni e paesaggio».

Partendo dunque dall’idea di base della promozione delle nostre ricchezze culturali e paesaggistiche, l’obiettivo sarà quello di pianificare e attuare una sinergia tra i vari settori, perfezionando il connubio tra enti pubblici e privati, sempre nel rispetto del territorio isolano.

«Non possiamo più sperare che un Ministro o un Presidente del Consiglio si innamori del nostro territorio per poter avere dei finanziamenti» ha detto ieri il Segretario dell’ANCIM (Associazione Nazionale Comuni delle Isole Minori), «è il momento di creare un “paniere finanziario” diversificato, andando ad attingere nelle “tasche” delle varie realtà istituzionali e aziendali».   

«Procida è una punta avanzata nel discorso della cultura come volano economico» ha aggiunto la dottoressa Usai, «È importante anche ripartire dal contributo dei cittadini per creare un patrimonio comune, come già fatto in passato».

 

A cura della redazione di Vivere Procida

firma-manifesto-sviluppo-sostenibile

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • noioso 
  • utile 
  • mediocre 
  • bello