Carlo Massa

Intervista all’Assessore Carlo Massa: “Avere un Pronto Soccorso Attivo a Procida è un’esigenza primaria”

In attesa del 23 novembre 2016, data entro la quale sapremo se il ricorso a TAR per impedire l’alienazione del Pronto Soccorso Attivo, abbiamo voluto incontrare l’Assessore alla Sanità del Comune di Procida, Carlo Massa. Sappiamo che lunedì 17 ottobre 2016 egli è stato a Roma con il Sindaco  Raimondo Ambrosino  proprio per parlare alle Istituzioni preposte della necessità di avere sull’isola una struttura attiva ed efficiente, contro la decisione della ASL NA 2 di istituire sull’isola l’ospedale di Comunità.

Quali notizie ci portate da Roma?

Notizie buone nel senso che tutti riconoscono il nostro diritto, e ci spingono a rivendicarlo con forza ed energia, anche perché nel momento presente, dappertutto, si cerca di tagliare. E Procida, stritolata dalle richieste di Ischia e Capri, può lasciarci le penne.

Il discorso è quindi politico?

A parer mio le ragioni politiche prevalgono su quelle sanitarie, e questo perché il sistema a certi livelli si è inceppato. La politica dovrebbe essere a servizio delle esigenze sociali primarie e invece ci tocca vedere una serie di scelte che mortificano le esigenze vitali dei cittadini. Pertanto dobbiamo, qui sull’isola e nel rapporto con le istituzioni campane, continuare a far sentire forte, a livello politico e sociale, la nostra voce.

Dal tuo punto di vista, l’atto predisposto dal Dott. D’Amore responsabile della ASL NA 2, che prevede l’alienazione del nostro Pronto Soccorso Attivo con la nascita di un Ospedale di Comunità, può essere modificato?

Certamente, ed è la Regione Campania che ha questo potere. Quindi le nostre istanze vanno oggi indirizzate alla Regione Campania e in modo specifico al presidente De Luca. E quello che con il Sindaco stiamo facendo attivando i nostri canali politici istituzionali e ogni tipo di pressione democratica. Ma sento che non basta. I cittadini di Procida sanno benissimo che senza il pronto Soccorso attivo ritorniamo indietro di molti decenni e tutte le conquiste ottenute saranno vanificate. Quanti cittadini si sono salvati in questi anni grazie all’attuale struttura? Ne sono testimone. Ma basterebbe anche la vita di un solo cittadino per giustificare l’esistente.

Non dimentichiamo la tragedia nella quale morì Anna Grazia Esposito, che segnò  l’inizio di una sommossa popolare che mise in moto una serie di grosse manifestazioni, con il notorio lancio di monetine verso gli Amministratori dell’epoca. Non vorremmo che si ripetesse oggi quanto accaduto ieri.

Il sacrifico di quella ragazza suscitò in tutti noi – ero allora uno studente – un moto di ribellione contro l’ingiustizia palese. Perdere il Pronto Soccorso Attivo oggi significa  rimanere sull’isola privi di soccorso. E per l’isola questo sarebbe una tragedia. Non dobbiamo aspettare un’altra morte per sollevarci e chiedere con forza quello che ci spetta di diritto e che a Capri è stato concesso. Con il Sindaco noi questo lo stiamo affermando con forza in tutte le sedi. E’ un nostro dovere e continueremo a batterci fino alla fine. Difendere il diritto alla salute è il primo grande obiettivo di tutti noi. E questo lo stiamo facendo insieme cittadini e politici. Ed è una grande novità rispetto a quel lontano passato.

Ci ha impressionati vedere il Vescovo in prima fila ad Ischia nel corteo di protesta per la sanità. L’intervento del nostro vescovo a Procida, nel momento in cui Papa Francesco sta scuotendo le coscienze, definendo la Chiesa un ospedale da campo, potrebbe essere un grande segnale.

Penso che sarebbe una forte testimonianza che potrebbe parlare più di mille altri interventi. Noi comunque siamo sull’allerta, e con la Giunta abbiamo il problema ospedale sempre in agenda.

Sappiamo che esistono fondi stanziati nel 2015 proprio per la sanità nelle piccole isole: sentivo parlare di 5 milioni di Euro. E’ una notizia vera? Procida ne ha beneficiato a livello sanitario.

Si è vero e ci è stato confermato nella nostra andata a Roma, ma di fatto Procida, fino ad oggi, non ne ha beneficiato. Di qui la nostra amarezza. Giovedì incontreremo il Presidente d’Amore  e parleremo con lui anche di questo. Abbiamo al nostro fianco la Dr.ssa Usai Presidente dell’ANCIM  che si sta battendo perché vengano riconosciuti i diritti di Procida. Si è espresso a nostro favore il Dr. Bevere Presidente dell’AGENAS (agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) che siederà al tavolo  tecnico conclusivo con De Luca presso il Ministero nei giorni prossimi. Per questo abbiamo chiesto con urgenza  anche un incontro con De Luca e interpellato il Sottosegretario alla Sanità.

Da quanto intuiamo è la Regione Campania il punto nodale. Se la Regione non riconosce le nostre sacrosante richieste, rischiamo di perdere tutto?

Per questo sentiamo settimanalmente il Dr. Tono Presidente della V Commissione regionale della Sanità, il quale ci ha rassicurati che si arriverà ad una soluzione positiva.

Tu quindi, nonostante tutto, sei fiducioso?

Devo essere  fiducioso. Sono fiducioso anche perché Procida oggi ha una nuova squadra di politici che si sta battendo con forza per avviare un discorso nuovo, per risolvere problemi enormi. Primo fra tutti quello economico che i procidani forse non hanno ancora compreso nella sua gravità. E’ come se, in una famiglia, non solo manca stipendio ma c’è anche un mutuo annuo altissimo da pagare per i debiti fatti. I politici che ci hanno preceduto hanno creato sull’isola un danno smisurato. Noi siamo costretti ad amministrare senza avere  neanche il minimo delle risorse. 

Colpisce molto questa tua affermazione. Ogni cittadino cerca il bene personale e non quello comune, per cui non riesce a rendersi conto della gravità in cui ci troviamo L’Amministrazione ha un dovere primario, quello di far comprendere a tutti che il bene comune viene prima di quello personale. Lo  dice continuamente il vostro Sindaco Ambrosino. Dovremmo forse trovare questo spirito nuovo, comunitario che manca?

E’ questo l’obiettivo che ci siamo posti quando ci siamo presentati al paese per governare l’isola. I cittadini ci hanno sostenuto, ma ora bisogna passare ai fatti. Il bene comune non è la somma dei singoli beni personali.  Ma su questo bisogna lavorare molto. L’impegno per la sanità può costituire un banco di prova.

Ma attualmente l’Ospedale in quale stato si trova? Risente dell’incertezza del futuro?

Tutto funziona normalmente. Il procidano deve sapere che la prima lotta la sta facendo il personale intero per cui si lavora come sempre e con la speranza viva che la struttura non venga alienata.  Nessun tipo di servizio è stato sospeso. Dobbiamo solo ripristinare il laboratorio di gastroenterologia.

E per il Distretto sanitario ci sono novità?

La novità più grande resta la nomina della Dr.ssa Lia Aiardo a Direttore sanitario di tutto il Distretto Ischia Procida. Avendo lei lavorato a Procida ha potuto portare nel Consiglio direttivo le esigenze dell’isola e i benefici si vedono già oggi: viene introdotto per l’Ambulatori diabetico anche il servizio oculistico, si è aperto l’ambulatorio di endocrinologia con visita ed ecografia e di dermatologia. Inoltre è stato attivato il servizio farmaci sul territorio per i pazienti del reparto oncologico. E si sta lavorando per avere presto l’ambulatorio di Oncologia.

Mi sembra importante aver realizzato l’isola cardioprotetta.

Dopo  tanta attesa abbiamo finalmente l’isola cardioprotetta  con l’istallazione di tre defibrillatori cardiaci in tre postazioni Marina Chiaiolella, Marina Corricella, Piazza Olmo. Un gruppo di giovani cittadini volontari hanno potuto seguire un corso specialistico  per prestare aiuto a persone che dovessero subire arresto cardiaco, per offrire il soccorso base di supporto per l’uso del defibrillatore, in attesa dell’ambulanza.

Di fronte ai tagli economici per le strutture come avere reagito?

Abbiamo fatto una ricognizione dei luoghi e degli spazi disponibili. Per cui a breve  la Guardia medica e la Guardia medica turistica passeranno nello stabile dell’ex Finaza in via Libertà, e il 118 verrà spostato nel giardino davanti all’ospedale  con un modulo abitativo e le autoambulanze.

Ringraziamo l’Assessore Massa per il suo impegno e la piena disponibilità per questa intervista.

A cura di Vivere Procida

carlo-massa

L’Assessore alla Sanità Carlo Massa

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

“Raccomandazioni  sulla modalità  di autocontrollo domiciliare della glicemia” – Importante evento di informazione sanitaria  per tutti i cittadini

 

evento glicemia

Venerdì 8 luglio 2016, ore 10, nella sala Consiliare del Comune di Procida, il Distretto Sanitario 36 Ischia e Procida, promuove un importante evento scientifico per la cittadinanza tutta sul tema  dell’autocontrollo della glicemia con l’intervento del Dr. Antonio D’amore  Commissario Straordinario ASL NA 2  Nord, Carlo Massa Assessore alla Sanità del Comune di Procida e il Dr. Michele Nasca, Direttore UTAP Procida.

L’evento coordinato dal Dr. Diego Carleo, verrà presentato dal Direttore del Distretto Sanitario Dr.ssa  Carmela Aiardo Esposito. A seguire  la relazione sull’importanza dell’automonitoraggio strutturato del Dr. Diego Carleo Specialista Diabetologo UTAP Procida, e infine  l’esercitazione pratica eseguita dalla Signora Carmela Autuoro CPS Infermiere Ambulatorio di Diabetologia.

L’incontro riveste una particolare importanza per quanti soffrono di questa patologia,  perché potranno apprendere  le ultime ed importanti raccomandazioni scientifiche a riguardo del controllo della glicemia, onde poter effettuare un monitoraggio costante per portare sempre i valori della glicemia vicini alla norma, con l’aggiustamento della terapia e le modifiche della dieta e dell’attività fisica.  

 

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Prevenzione in piazza della Sindrome Metabolica

prevenzione sindrome metabolica

Domenica 8 maggio alle ore 10,30 il dottor Raimondo Di Liello insieme a un’équipe di giovani medici e infermieri procidani effettuerà ai cittadini interessati, la misurazione della glicemia, della pressione arteriosa e della circonferenza vita, fattori di rischio per il diabete e per le malattie vascolari e cardiache.

Si tratta di una  campagna gratuita di prevenzione del diabete e della sindrome metabolica  “Prevenire è meglio!”, organizzata dall’assessore alla Sanità e alle Politiche sociali del Comune di Procida, Carlo Massa, e dalla consigliera Sara Esposito.

La campagna si rivolge a persone di età superiore ai 30 anni e non diabetiche, che potranno sottoporsi agli esami a digiuno o dopo una colazione leggera, portando se possibile  recenti esami del sangue.

I dati raccolti, in forma aggregata e anonima, saranno pubblicati sul portale di comunicazione del Comune: vivereprocida.it

 

A cura di Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • utile 
  • bello 
  • noioso 

Novità importanti nel Distretto Sanitario di Procida

asl-na

Novità importanti sono in arrivo al Distretto Sanitario 36 di Procida, grazie all’impegno profuso  in questi ultimi mesi dalla nuova Dirigente Dr.ssa Lia Aiardi e alla ferma volontà dell’Assessore Carlo Massa di dare una svolta alla politica sanitaria nell’isola.

Da maggio 2016 sarà, infatti, operativo a Procida lo “Screening Ca Colon Retto” come azione preventiva, necessaria per i cittadini adulti, voluta dalle vigenti  normative sanitarie.

Sempre a maggio viene aperto l’ambulatorio di dermatologia per il quale c’erano state molte richieste da parte dei procidani.

E’ entrato, inoltre, in funzione dal 30 marzo 2016 il nuovo ambulatorio di endocrinologia e a breve avremo anche gli ambulatori di oculistica e di nefrologia.

Viene istituzionalizzata sul territorio la distribuzione dei medicinali relativa ai piani terapeutici, tutti i mercoledì dalle 12,30 alle 13,30.

E’ stato aperto il 30 marzo 2016  il PUA (Punto unico di accesso), ossia uno sportello fisso al quale ogni cittadino si potrà rivolgere, personalmente o telefonicamente, per avere tutte le informazioni sulle procedure necessarie per accedere ai servizi in base ai relativi bisogni : come avviare la pratica di invalidità civile,  immettere un anziano parente nell’assistenza domiciliare, le modalità per la richiesta per i pannoloni, lettino antidecubito, sedia a rotelle ecc.

Si sta inoltre lavorando per avere a breve, sul nostro territorio la Commissione di Invalidità Civile che permetterà ai procidani di non recarsi più ad Ischia per istruire la pratica per tale invalidità.

Come pure si prevede  la realizzazione di un’Unità Complessa di Cure Primarie (UCCP) per le patologie croniche come il diabete, broncopmeumologia, cardiopatie ecc. Tale progetto sarà a carico dei medici di base insieme ad una equipe di specialisti e segnerà una vera e propria svolta nelle prestazioni assistenziali primarie.   Il servizio verrà svolto 24 ore su 24.

Con l’entrata in vigore di tale Unità complessa, verrà riconosciuto sul territorio isolano il ruolo fondamentale dei medici di base che diventano anello di congiungimento tra il paziente ed il sistema sanitario. Sarà infatti compito del medico di base anche l’ospedalizzazione di un paziente  in caso di necessità.

Logicamente si spera che a tale svolta positiva nel campo distrettuale si accompagni anche una messa a punto della sanità ospedaliera sul territorio isolano.

A cura di Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Convocazione V Commissione Permanente Sanità e Sicurezza Sociale alla Regione

Consiglio della Regione Campania

Sanità: Giovedì 25 Febbraio il Consiglio Regionale della Campania ha convocato la V Commissione Permanente Sanità e Sicurezza Sociale.

Il Servizio sanitario di Ischia e Procida e le sue criticità saranno, Giovedì 25 Febbraio, al centro di un’audizione  organizzata dal Consiglio Regionale della Campania, V Commissione Permanente Sanità e Sicurezza Sociale, ai sensi dell’articolo 50 del Regolamento del Consiglio Regionale.

Il Presidente del Consiglio Regionale, Raffaele Topo, ha convocato:

  • il Commissario Straordinario ASL NA2 Nord;
  • i sindaci dei comuni di Procida, Ischia, Casamicciola Terme, Serrara Fontana, Lacco Ameno, Forio, Barano d’Ischia
  • il Commissario ad acta Joseph Polimeni;
  • il Sub Commissario ad acta Claudio D’Amario;  
  • i Componenti della V Commissione

A cura della Redazione Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Consiglio Comunale del 12 febbraio 2016

banner consiglio comunale

Seduta straordinaria e urgente del Consiglio Comunale del 12 febbraio.  Vari gli argomenti proposti all’ordine del giorno:  

  • surroga del Consigliere Comunale Vincenzo Capezzuto
  • convalida subentrante;
  • comunicazioni;
  • piano di razionalizzazione delle partecipate societarie;
  • regolamento di disciplina del Forum dei Giovani;
  • piano per le politiche giovanili;
  • regolamento di applicazione del Contributo di Sbarco;
  • regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune;
  • mozione in merito al sistema adottato per l’affidamento dei servizi per il Progetto “Itinerario Natura Trofeo del Mare – La Sagra del Mare”;
  • rilascio concessioni del condono edilizio;
  • provvedimenti (richiesta del gruppo “Per Procida”).

Apre i lavori del Civico Consesso, il presidente Antonio Intartaglia.

Innanzitutto,  il  saluto del Sindaco Dino Ambrosino al dimissionario consigliere comunale Vincenzo Capezzuto appartenente al “Gruppo per Procida”,  al quale  subentra Carmen Muro.

Capezzuto, sindaco dal 2010 al 2015 e in precedenza assessore ai lavori pubblici, ha svolto la sua attività di amministratore lungo un arco di quindici anni; al di là di qualsiasi valutazione sul suo operato politico, è stato ricordato anche dagli esponenti di minoranza presenti in aula, per aver ottenuto consistenti finanziamenti pubblici, soprattutto negli anni della giunta Bassolino, utilizzati per la messa in sicurezza dei costoni, il recupero di Terra Murata, il progetto di metanizzazione, l’isola ecologica.

Dopo l’approvazione del verbale della seduta del Consiglio precedente e le condoglianze pronunciate dal Sindaco e da alcuni consiglieri alla famiglia del compianto Michele Calise, prematuramente scomparso,  si passa a discutere del Piano di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie del Comune.

Il Piano è l’applicazione della legge di Stabilità 2015 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (legge n. 190 del 23/12/2014), che ha introdotto per gli enti pubblici l’obbligo di predisporre un piano di razionalizzazione delle società partecipate con l’obiettivo di ridurne il numero e i costi.

Quella che segue è la situazione delle partecipate del Comune di Procida.

Le società E.V.I. S.p.A., l’Agenzia di Promozione della Risorsa Mare S.C.p.A., il Parco Letterario “L’isola di Arturo” S.r.l. , sono in liquidazione. Il Comune ha notificato nel febbraio 2014 il proprio recesso  alla SEPA s.r.l.

Resta la  S.A.P. S.r.l. (Società Acqua Procida), che è al 100 % di proprietà del Comune;  secondo il Piano, è prevista la riduzione del numero dei componenti del Collegio dei sindaci da 3 a 1 e la razionalizzazione delle spese per fitti passivi, con il trasferimento a breve della sede negli uffici dell’ex Guardia di Finanza

Resta anche la partecipazione per il 24% nel Marina di Procida S.p.A., risultato di una triste pagina  della nostra politica che di recente la Corte dei Conti ha individuato come una delle maggiori criticità del Piano di riequilibrio finanziario 2013-2019.

Il Piano di razionalizzazione, che ha ottenuto l’approvazione unanime del Consiglio, sarà  trasmesso alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei Conti e pubblicato sul sito internet dell’amministrazione. Il piano operativo dovrà essere successivamente oggetto di attuazione attraverso apposite deliberazioni con cui si andranno ad approvare le operazioni previste.

Al punto successivo, è prevista l’approvazione del Regolamento di disciplina del Forum dei Giovani, organismo di partecipazione dei giovani alla vita e alle istituzioni democratiche, che assicura loro la possibilità di intervenire direttamente nei confronti degli organi comunali, contribuendo con proprie proposte e pareri alle decisioni che questi dovranno assumere su temi di interesse giovanile. Il documento, presentato dall’assessore Rossella Lauro,  è approvato all’unanimità.

Si passa poi al Regolamento di applicazione del contributo di sbarco dei passeggeri che giungono sull’Isola. Il consigliere Giovanni Villani fornisce un’ampia trattazione dell’articolo 33 della legge 221 del 28/12/2015, entrata in vigore il 2/2/2016, “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”. In base alla legge, possono riscuotere il contributo di sbarco non più solo le compagnie di navigazione che forniscono i collegamenti marittimi previsti dal piano orario regionale, ma tutti i vettori che forniscono collegamenti di linea o vettori (aero)navali che svolgono servizio di trasporto di persone a fini commerciali, abilitati ed autorizzati ad effettuare collegamenti verso l’isola, anche occasionalmente. 

Il contributo di sbarco è attualmente di 1,50 euro e secondo la legge può essere aumentato a euro 2,50, fino a un massimo di euro 5,  per determinati periodi. Il Sindaco precisa che il Consiglio è orientato a mantenere il contributo a euro 1,50, per non incidere eccessivamente sul costo del biglietto e scoraggiare i turisti.

Il  contributo  di sbarco  non  è  dovuto  dai  residenti  nel  comune,   dai lavoratori, dagli studenti  pendolari,    dai  componenti  dei nuclei familiari che  risultino  aver  pagato  l’imposta municipale nel comune  e  che  sono  parificati  ai residenti.

Grazie all’intervento dell’ANCIM (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori), il gettito del contributo -e questa è la novità interessante- può essere destinato a finanziare interventi di vario tipo -di recupero e salvaguardia ambientale, di turismo, cultura, polizia locale e mobilità- e, in particolare, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti che, nel caso della nostra isola, si presenta come una importante opportunità per ridurre gli altissimi costi di gestione dei rifiuti.

L’argomento dà vita a un ampio dibattito. Dino Ambrosino fa notare che percependo le presenze turistiche sull’isola come un immediato e concreto contributo  ad alleviare una delle voci di uscita più elevate del bilancio comunale, i cittadini potrebbero superare l’ultimo retaggio di un’atavica mentalità isolana, ancora in parte persistente, che considera il turista più come un’invadenza che come una risorsa.

Il Regolamento viene approvato all’unanimità, ed anche la sua immediata esecuzione.

La consigliera Maria Capodanno porta infine all’attenzione del Consiglio, il caso dell’interdittiva antimafia per la ditta PAF (Pubblica Assistenza Flegrea) nel settembre scorso, sospesa dal servizio ambulanze delle ASL2 e 3, per  revoca delle autorizzazioni da parte della Prefettura. Anche a Procida, dove operava, la ditta è stata sospesa dal servizio e sostituita dall’associazione senza scopo di lucro “Confraternita Misericordia  di Caivano” , che lavora per il 118 Emergenza Sanitaria.

La Capodanno ha rilevato l’inefficienza dell’associazione, in quanto la mancanza di un veicolo tipo  “porter”, adatto a circolare agilmente per le stradine strette dell’isola, avrebbe causato il mancato soccorso di una donna in via Cavour, portata in ospedale in auto.

L’assessore alla sanità Carlo Massa ha precisato che  la donna è  stata soccorsa in auto per via di una irresponsabilità degli uomini del 118 che, non conoscendo bene le strade, hanno parcheggiato l’ambulanza all’ingresso di via Cavour, raggiungendo a piedi il luogo dell’incidente. 

Inoltre, ha assicurato che un veicolo porter arriverà sull’isola tra 10 giorni, finalmente dopo anni di richieste all’ASL. In effetti, pare che a seguito dei lavori di metanizzazione in corso sull’isola,  l’ASL non abbia più potuto negare la richiesta, in quanto la chiusura di alcuni tratti di strade ha reso ancora più difficile la circolazione e dunque innalzato il livello di rischio in caso di emergenze.

Al termine di un’accesa discussione, il Presidente del Consiglio Antonio Intartaglia ha annunciato che Piano per le Politiche Giovanili, il Regolamento per lo svolgimento delle attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune di Procida, e gli altri punti all’ordine del giorno rimasti in sospeso, sono rinviati ad una successiva seduta del Consiglio.

A cura della Redazione Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • noioso 
  • utile 
  • mediocre 
  • bello 

Il Piano Terapeutico e consegna farmaci a Procida

Importanti novità per i pazienti che finora dovevano recarsi a Ischia per procurarsi farmaci vitali erogati dal servizio farmaceutico territoriale: “si tratta di farmaci ritenuti essenziali e quindi rimborsabili dal Servizio Sanitario Nazionale” sottolinea l’assessore alla Sanità, Carlo Massa

I cittadini potranno ritirare questi farmaci non dovendo più sottostare all’obbligo dello spostamento, solo recandosi al Distretto Sanitario di Procida, in via Monsignor Scotto Pagliara 7,  al piano terra.

Tutti i mercoledì, dalle 12.00 alle 13.30,  sarà possibile consegnare il piano terapeutico e ottenere, il mercoledì successivo, la distribuzione diretta dei farmaci (da frigo e non).

Il Piano Terapeutico è una particolare prescrizione necessaria per alcuni farmaci utilizzati per patologie impegnative che richiedono un percorso diagnostico terapeutico altamente specialistico

Per informazioni rivolgersi al Distretto Sanitario, tel. 081/8100412

A cura della Redazione Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia utile
Cosa pensi di questo contenuto?
  • utile 
  • noioso 
  • interessante 
  • mediocre 
  • bello 

#abassavoce con Nati per Leggere: nell’isola bella fioriscono storie …

Logo Nati per Leggere

 

Protocollo d’intesa tra il Comune di Procida e il Coordinamento Regionale di “Nati per Leggere” (NpL), progetto a cura dell’Associazione Culturale Pediatri ACP, dell'Associazione Italiana Biblioteche AIB e del Centro per la Salute del bambino onlus.

“Nati per Leggere” sostiene l’importanza dell’abitudine alla lettura ad alta voce ai bambini fin dalla più tenera età, per favorire una crescita armoniosa sia sul piano affettivo-relazionale sia su quello cognitivo.

 

 

Video: Nati per Leggere di Nati per Leggere su Vimeo.

Il Comune, rappresentato da Rossella Lauro, assessore alle politiche giovanili,  promozione e comunicazione e da Carlo Massa, assessore alle politiche sociali, ha intenzione di pianificare azioni locali di attuazione del programma NpL, coinvolgendo soggetti pubblici e  privati, in  particolare pediatri, operatori sanitari, bibliotecari, educatori di asili nido, insegnanti.

L’adesione formale alle linee d'indirizzo del programma NpL si concretizzerà, da parte del Comune, nell’ allestimento  di uno spazio comunale conforme allo standard NpL denominato "Punto Lettura Nati per Leggere", adatto all’accoglienza di bambini di età compresa tra 0 e 6 anni accompagnati da adulti.  

Le famiglie dei bambini 0/3 anni e dei nuovi nati di ogni anno, saranno ampiamente sensibilizzate attraverso il materiale informativo di NpL e attraverso i canali istituzionali (ufficio stampa, sito web, social network). Riceveranno una lettera con l'invito a frequentare il Punto Lettura NpL e il Comune cercherà di sostenere il "dono del libro" per tutti i nati dell'anno, attraverso sponsorizzazioni e/o contributi privati.

È prevista poi la costituzione di un patrimonio librario, periodicamente  incrementato, destinato alla fascia d'età 0/6 anni.

Il Coordinamento Regionale “Nati per Leggere” Campania, da parte sua,  supporterà lo sviluppo dei progetti locali coinvolgendo molteplici professionalità e organizzando percorsi formativi per gli operatori e i lettori volontari coinvolti. Inoltre svolgerà attività di coordinamento per la realizzazione dei progetti locali.

Referente Locale per il Coordinamento Regionale NpL Campania è designata Lisa Costagliola.

Il prossimo appuntamento con Nati per Leggere è previsto per domenica 28 febbraio alle ore 16,00 presso la Casa Comunale.

 

A cura della Redazione Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia bello
Cosa pensi di questo contenuto?
  • bello 
  • interessante 
  • mediocre 
  • utile 
  • noioso