comune

ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza all’estero (legge 459 del 27 dicembre 2001, quale modificata dalla legge 6 maggio 2015, n. 52). Tali elettori che intendano partecipare al voto dovranno far pervenire esclusivamente al proprio Comune d’iscrizione nelle liste elettorali ENTRO IL 31 GENNAIO 2018 (32^ giorno antecedente la data di svolgimento delle elezioni) con possibilità di revoca entro lo stesso termine, una opzione valida per un’unica consultazione. L’opzione può essere inviata al Comune per posta, per fax, per posta elettronica anche non certificata, oppure consegnata a mano anche da persona diversa dall’interessato.La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’ufficio consolare (Consolato o Ambasciata) competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (trovarsi per motivi di lavoro, studio o cure mediche in un Paese estero in cui si è temporaneamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale; oppure, essere familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni (comma 1 dell’art. 4-bis della citata L. 459/2001). La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art.76 del citato DPR 445/2000).

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Approvazione del Regolamento per l’utilizzo del campo sportivo

 

 

Nel consiglio comunale del venerdì 28 luglio 2017 si è approvato il regolamento di utilizzo del campo sportivo Mario Spinetti, si è così normalizzata una situazione anomala (ogni comune italiano ne è dotato) che vedeva l’impianto sino ad oggi utilizzato senza alcuna tutela giuridica.

Si è giunti a tale risultato attraverso un percorso promosso e animato dall’ assessorato alle politiche giovanili Rossella Lauro e il consigliere delegato allo sport Giovanni Scotto di Carlo, partecipato da associazioni sportive e singoli cittadini che hanno dato un contributo fondamentale e conclusosi con un corretto passaggio in commissione sport.

Il Regolamento ha voluto dare rilievo ad un principio di responsabilizzazione dei soggetti utilizzatori rispetto alla cura ed al corretto utilizzo anche in chiave educativa dei giovani sportivi.

Si è introdotto un canone di 5 € orarie scaturito da una mediazione che considera l’attuale condizione dell’impianto e la necessità di coprire almeno in parte i costi che esso comporta per il comune. 

Vi sarà il versamento di una cauzione e sono stati previste penali in caso di scorretto utilizzo o danni, passando quindi dall’assenza di regole e di canone che ha ridotto la struttura allo stato di abbandono in cui si trova oggi, ad un nuovo criterio basato sulla responsabilità e la cura da parte delle associazioni che lo utilizzeranno, si è inoltre prevista la possibilità in futuro da parte della giunta di variare l’entità del canone se fosse opportuno adeguarla, in virtù dell’utilizzo dell’impianto riqualificato.

La circostanza per cui contestualmente nello stesso consiglio si è approvata variazione di bilancio prevedendo l’impegno di 350.000 € per poter accedere ad un finanziamento del credito sportivo è la garanzia che è volontà dell’amministrazione Ambrosino ristrutturare e gestire l’impianto direttamente con un rapporto comune-associazioni attraverso il nuovo storico regolamento.

L’intervento di riqualificazione previsto nell’estate 2018 (se il progetto rientrerà fra quelli finanziati da credito sportivo) prevede il rifacimento del manto, la riqualificazione degli spogliatoi più altre migliorie del sedime, ma in particolare si punterà molto sull’efficientamento energetico al fine di abbattere gli attuali elevati costi (15.000 € annui) per il comune derivanti dai consumi.

Il percorso partecipato per il regolamento, ha inoltre dato vita ad un comitato organizzatore dell’attuale torneo isolano che si è dato come obbiettivo con i proventi delle iscrizioni al torneo di realizzare alcuni piccoli interventi necessari al prosieguo delle attività della prossima stagione sportiva in sinergia con il comune.

Siamo soddisfatti di questa azione amministrativa che segna un nuovo modo di gestire i beni comuni con la partecipazione dei cittadini e la massima attenzione nel calibrare gli investimenti in maniera da ottimizzare i risultati senza gravare sulle tasche dei cittadini.

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Riapre lo sportello del Centro operativo per l’Impiego

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

Riapre presso il Comune di Procida lo sportello del Centro operativo per l’Impiego.

Qui di seguito  il calendario di servizio   degli operatori predisposti in una turnazione prestabilita che li vedrà impegnati dallo ore 9,00 alle 13,00.

I giorni prestabiliti sono i seguenti:

14-02-2017   Giovanni Gaudino

28-02-2017   Francesco Mirata

09-03-2017   Egidio Iaccarino

30-03-2017   Vincenzo Di Meo

06-04-2017   Antonio Maddaluno

24-04-2017   Armando Filaseta

04-05-2017   Ciro Fevola

La turnazione dei dipendenti potrebbe subire variazioni e/o interruzioni per cause non imputabili  al nostro Centro per l’Impiego ( fenomeni atmosferici o mancati impegni di spesa da parte della Città Metropolitana)

E anche l’orario potrebbe subire variazioni per tempo cattivo o altre circostanze  avverse dal punto di vista meteorologico.

 

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Approvata la definizione agevolata per chi ha contratto debito fiscale col Comune

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

I cittadini che risultano debitori  presso il Comune ed hanno ricevuto l’ingiunzione fiscale di pagamento dal 2010 al 2016 avranno la possibilità di definire la controversia in maniera agevolata, in quanto il Consiglio Comunale ha approvato il regolamento relativo alla definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento, nella seduta del 31 gennaio 2017.

Il provvedimento è stato proposto dal Consigliere Giovanni Villani, il quale ha sottolineato  l’urgenza dell’approvazione di tale regolamento per risolvere definitivamente le controverse relative ai mancati pagamenti dei cittadini  dal 2010 al 2016.

Per la Minoranza, è intervenuto il Consigliere Menico Scala , il quale ha  espresso parere favorevole all’approvazione di tale regolamento,  proponendo altresì di inviare una lettera d’invito ai cittadini per ricordare il mancato pagamento, al fine di consentire a tutti di valutare la scelta  della definizione agevolata della controversia.

La Delibera è stata pertanto approvata  all’unanimità.

Essa fa riferimento alla Legge n. 225  del 2016 che ha previsto proprio la definizione agevolata delle entrate comunali, anche tributarie, non riscosse a seguito della notifica di ingiunzioni di pagamento.

L’adesione a questa definizione agevolata comporta il pagamento dell’imposta, con l’esclusione delle sanzioni previste. Per i pagamenti dovuti  a violazione del codice della strada, la definizione agevolata  comporterà, invece, l’esclusione  degli interessi di mora e le maggiorazioni di un decimo per ogni semestre come previsto dalla Legge  n.689 del 1981.

Tale regolamento sarà  applicabile dopo 60 giorni dall’adozione della  Delibera, pertanto i cittadini interessati potranno presentare al Comune un’apposita istanza.

L’istanza dovrà contenere la manifestazione di volontà di avvalersi della definizione agevolata, tutti i dati del cittadino, i dati del provvedimento ingiuntivo e l’eventuale rateizzazione dell’importo dovuto, entro però il 30 settembre 2018.

Il Comune metterà a disposizione apposita modulistica  appena il regolamento andrà in vigore, e sarà a disposizione per dare tutte le informazioni in merito.

 

A cura di Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello