Ischia

Sanità a Procida: un passo avanti

Comunicato Stampa del Comune di Procida

 

Nel Consiglio Comunale di Procida,  il 24 aprile 2017, è stato deliberato lo schema di accordo fra la Regione Campania, le isole campane e l’ANCIM in tema di sanità. Un passo in avanti condiviso da tutti i Consiglieri di Maggioranza e di Minoranza, che all’unanimità hanno approvato per alzata di mano tale schema.

Come il Sindaco ha esplicitamente detto, tale schema  è uno strumento di ulteriore difesa del Presidio sanitario isolano. Esso prevede  una condizione importante: “Mantenere e garantire per i presidi ospedalieri di Capri, Ischia  e Procida, considerando gli stessi come sedi particolarmente disagiate, la funzione di Ospedale con Pronto Soccorso al fine di garantire a residenti e non un’assistenza seppur minima di maggiore garanzia”. Egli ha inoltre rimarcato che tale accordo fra più istituzioni va a garantire un punto fermo nello sviluppo organizzativo della sanità sulle isole e, quindi, anche un punto di difesa naturale nel caso altre circostanze, in futuro, mettessero in dubbio a Procida l’assistenza sanitaria.

Anche il Consigliere Maria Capodanno,  a nome della Minoranza, si è detta d’accordo su tale schema in quanto esso va a rivedere  anche quanto lo stesso TAR Campania non ha riconosciuto sul tema delle nascite, laddove si prevede  di “garantire e mantenere, in deroga ai requisiti previsti dal piano sanitario nazionale, la presenza di un punto nascite o nell’impossibilità, almeno di un medico ginecologico, un’ostetrica ed un pediatre a copertura delle 24 ore.” Auspica inoltre un Osservatorio regionale permanente sulla Sanità nelle isole campane che faccia comprendere ai Direttori generali delle ASL la realtà delle comunità isolane e i diritti dei cittadini.

 

A cura di VivereProcida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • utile 
  • mediocre 
  • noioso 
  • bello 

Procida aderisce alla società consortile “Sviluppo Mare Isole di Procida e di Ischia”

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI PROCIDA

 

Da circa 3 anni, e precisamente dal 15 maggio 2014,  il Parlamento Europeo ha emanato il regolamento  relativo alla nuova politica economica comunitaria per la pesca,  dando altresì dei principi informatori per la formulazione dei programmi di intervento da attuare in materia di pesca e di acquacoltura nel periodo 2014-2020.

Ogni Stato membro, attraverso le Regioni,  ha dovuto predisporre  l’attuazione di tali nuovi norme anche per dare possibilità ai settori della pesca di partecipare  al Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca (FEAMP).

Solo nel luglio del 2016, la Giunta Regionale della Campania ha preso atto del Piano Operativo Nazionale ed ha istituito  la nascita dei FLAG, ossia organismi locali che hanno il compito di elaborare una strategia di sviluppo locale e il relativo Piano di Azione (PdA) onde concorrere al finanziamento.

A tal fine i Comuni di Procida e Ischia  già associatisi precedentemente  nel GAC sempre per lo sviluppo della pesca, hanno, nell’agosto del 2016, deliberato di dar seguito all’esperienza svolta  con il GAC e dar vita al FLAG Isole d’Ischia e Procida, il quale si  sarebbe impegnato ad inviare alla Regione entro il 5 ottobre  il Piano di Azione nonché a predisporre le politiche di sviluppo legate al mare e nei territori ricadenti nell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno.

Capofila di questo FlAG viene designato il Comune di Ischia.

A tal fine viene costituita la società Consortile “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida” con lo scopo di sviluppare e realizzare strategie di sviluppo locale, favorire interazioni tra operatori, settori e progetti, in maniera funzionale al soddisfacimento dei bisogni dell’Area di riferimento, e dare ai soci la possibilità di usufruire di servizi informativi, di assistenza tecnica e progettuale, nonché di coordinare iniziative comuni anche allo scopo di reperire risorse finanziarie per gli investimenti pubblici finalizzati ai servizi rivolti alle comunità locali.

Il Comune di Procida  nella seduta del Consiglio Comunale del 13 febbraio 2017, dopo ampia discussione che vedeva perplessi su alcuni punti della Delibera i due Consiglieri di Minoranza presenti,  ritenendo utile e necessario operare insieme ai Comuni di Ischia, ha deliberato la partecipazione alla Società Consortile “Sviluppo Mare isole di Ischia e di Procida” con la quota di partecipazione di  Euro 645,00.

La Delibera è stata approvata con 12 voti favorevoli, 2 astenuti e nessun contrario.

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello