Isola di Procida

COMUNCATO STAMPA COMUNE DI PROCIDA Finanziato il Progetto SPRAR di Procida

Con Decreto n. 20458 del 28 dicembre il Ministro dell’interno ha
assegnato le risorse finanziarie ai progetti SPRAR (accoglienza
rifugiati e richiedenti asilo) proposti da 98 enti che coinvolgono 171
comuni, 84 dei quali ad oggi non accolgono. Tra questi vi è il comune
di Procida che vede così ammesso a finanziamento il proprio progetto
di accoglienza per 34 richiedenti asilo, costituiti in nuclei
familiari ed alloggiati in a orazioni prese in locazione sull’isola.
Il progetto, della durata di tre anni rinnovabili, verrà realizzato
con il contributo di Less OnlusImpresa sociale, ente del terzo
settore individuato all’esito di procedura pubblica di selezione.
Inizia ora la fase attuativa del progetto che vedrà la preparazione
degli alloggi, la predisposizione dell’occorrente per la permanenza e
l’organizzazione dei servizi a rendersi.

Procida si appresta a tendere la sua mano…

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Riparte il progetto NonDaSola – Sportello AntiViolenza

 

 

NON DA SOLA SPORTELLO ANTI VIOLENZA

PROGETTO NONDASOLA

(Dalla parte delle Donne)

Prossima riapertura dello sportello di ascolto NonDaSola (C.A.V.)

(Lunedì 27 novembre)

L’accesso al servizio, libero e gratuito, può avvenire presso gli sportelli di ascolto (C.A.V.) operativi sui territori dei Comuni di Ischia e Procida – progetto dell Ambito N.13 – 

Personale qualificato pronto ad accogliere, sostenere ed indirizzare donne e ragazze in ‘difficoltà’; lì dove si rendesse necessaria sarà garantita anche assistenza legale.

Lo sportello NonDaSola a Procida è situato presso il Comune, orario al pubblico: Martedi dalle 9.30 alle 11.30

Giovedi dalle 9.00 alle 12.00

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Procida: II^ edizione del Convegno nazionale sul lavoro marittimo: “Esami titoli professionali e programmi didattici: criticità e proposte”

PROCIDA – Il 30 settembre prossimo, alle ore 10.00 presso la Casa
Comunale in via Libertà, si terrà la II^ edizione del Convegno
nazionale sul lavoro marittimo promosso dall’Assessorato al lavoro
marittimo e dal Circolo Capitani e Macchinisti, nella persona del
giovane e attivissimo Pilota procidano nel Porto di Livorno Fabio
Pagano e del Presidente Vincenzo Schiano di Coscia, sul tema: “Esami
titoli professionali e programmi didattici: criticità e proposte”.

«La nuova amministrazione procidana sin dal suo insediamento – dice
l’assessore Antonio Carannante – ha posto in primo piano le
problematiche dei lavoratori marittimi, che storicamente ne
costituiscono gran parte della forza lavoro ed economica, istituendo
un Assessorato specifico. A tal proposito tengo subito a precisare che
in questo percorso amministrativo è fondamentale la sinergia con il
Circolo Capitani e Macchinisti di Procida nella persona del giovane e
attivissimo Pilota procidano nel Porto di Livorno Fabio Pagano e del
Presidente Vincenzo Schiano di Coscia, e con la Preside dell’Istituto
Nautico Prof.ssa Maria Saletta Longobardo. Infatti, ritengo essenziale
condurre le mie deleghe in maniera “partecipata”, ancor più su
tematiche tecniche e che riguardano il lavoro.

Molte problematiche che oggi affliggono i lavoratori marittimi
dipendono da questioni burocratiche che potrebbero essere risolte con
interventi legislativi – afferma l’Assessore al Lavoro Marittimo
Antonio Carannante – per cui sin dal mio insediamento ho ribadito che
l’obiettivo è quello di far divenire Procida sede naturale di
discussione sul lavoro marittimo, mettendo allo stesso tavolo
Armatori-Scuola-Istituzioni al fine di elaborare proposte concrete da
porre all’attenzione delle Autorità competenti. Da qui l’idea di
istituire un Convegno nazionale che rappresenti un appuntamento
annuale per tutti gli operatori del settore. Lo dobbiamo alla nostra
storia, al nostro antico e glorioso Istituto Nautico che continua ad
essere fucina di Ufficiali che si fanno onore nel mondo, e a tutela
della nostra economia -.

Quest’anno, nello specifico, affronteremo le problematiche riguardo
l’iter degli esami dei titoli professionali, la formazione e i
programmi didattici. Interverranno presenze istituzionali di rilievo,
ed è previsto un programma ricco di partecipanti anche del mondo
armatoriale. Quindi, sentiremo dalla voce di quest’ultimi le
problematiche che oggi incontrano nel reclutamento del personale con
riferimento alla formazione, ma anche il punto di vista della Scuola
con la Preside prof.ssa Maria Saletta Longobardo e dei rappresentanti
del Ministero dei Trasporti e istruzione. Tengo molto al taglio
“pratico” di questo Convegno – conclude l’Assessore Carannante
questa mia esperienza di amministratore, purtroppo, ogni giorno mi
conferma che l’Italia è un paese ancora bloccato da tanta burocrazia.
L’unica salvezza può essere un mirato snellimento di quest’ultima da
parte di addetti ai lavori e un ricambio di parte della classe
dirigente ancora legata a schemi ormai superati. Per questo ciascuno
dei relatori durante il Convegno illustrerà criticità ed eventuali
soluzioni legislative e, dopo un confronto, al termine dei lavori,
verranno concordate proposte concrete da sottoporre ai Ministeri
competenti. Solo con proposte avanzate da chi opera nel settore è
possibile tentare di risolvere concretamente i problemi».

 
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Procida ricorda Conc­etta Barra

 

 

premio concetta barra

Un convegno, una pre­miazione e il concerto di Pep­pe Barra “Il canto dei tamburi”
per il talento di un­’artista che ha sapu­to tramandare la grande tradizione della sua terra.

Venerdì 15 settembre al via la IV edizio­ne delPremio Concetta Barraisola di Procida, alle 18.30 presso la storica Piazza dei Martiri con il Con­vegno internazionale Concetta Barra, Edua­rdo De Filippo e Totò – Vite di artisti. Sabato 16 settembre sempre dalle 18.30, nella suggestiva Marina di ProcidaPorto Turistico avver­rà la premiazione ad esponenti del mondo della cultura, dell­’ arte, del giornalis­mo, della letteratura e dello spettacolo. Dopo la premiazion­e, alle 21.00, la ma­nifestazione si chiu­derà in Piazza Marina Grande con il conc­erto di Peppe Barra Il canto dei tamburi. La due giorni farà rivivere la figura di Concetta Barra ripercorrendo il suo rapporto umano ed artistico con la cul­tura dell’isola.

Tra i premiati quest­’anno, Giovanna Mezzogiorno, Ferzan Ozpetek, Diego De Silva, Toni Florio, Elio Pecora, Ottavio Ragone, Flegra Bentivegna, Lello Esposito  eGiancarlo Cosenza.

La manifestazione è promossa dal Master in Drammaturg­ia e Cinematografiadell’Università deg­li Studi di Napoli Federico II e dall’As­sociazione PartenArt, in collaborazione con l’Assessorato al Tur­ismo della Regione Campania, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per il Comune e la Pro­vincia di Napoli, il Comune di Procida e ilConservatorio di Mus­ica S. Pietro a Maje­lla di Napoli.

Peppe Barra, docente del Master in Drammaturg­ia e Cinematografia, coordinato da Pasq­uale Sabbatino presso l’Ateneo federicia­no, ha spiegato che «Il Premio Concetta Barra è nato quattro anni fa per il gran­de amore che gli ami­ci avevano per Conce­tta. Ringrazio la Fe­derico II, Massimo Marelli, Pasquale Sab­batino, Marialuisa Annecchino, Fara Paol­illo (Presidente Ass­ociazione Partenart)e Paola Bovier per aver trasformato in realtà un sogno che avevamo un po’ tutti nel cassetto. I proc­idani chiaramente sa­ranno contenti di qu­esto premio, perché non vuole solo ricor­dare una bella figura di donna procidana, ma soprattutto per esaltare il valore di un’isola con tutte le sue tradizioni e tutta la sua belle­zza culturale. Quello di Concetta Barra non deve essere un premio incentrato solo sull’arte, ma anche sulla luce, sull’a­more per i giovani e sui grandi valori culturali».

Dopo i saluti del Si­ndaco di Procida Rai­mondo Ambrosino e di Nicola Granito, Ass­essore alla Cultura e Grandi Eventi del Comune di Procida, la manifestazione, co­ordinata da Massimo Marrelli dell’Ateneo Federiciano ed in introdotta dal Maestro Peppe Barra, vedrà gli interventi di Adele Campanelli (Sop­rintendente Archeolo­gia, Belle Arti e Pa­esaggio per l’Area Metropolitana di Napo­li), Beatrice Alfonz­etti (Università La Sapienza  Roma), Giu­lio Baffi (Critico teatrale), Andrea Maz­zucchi, Matteo Palum­bo e Pasquale Sabbat­ino (Università di Napoli Federico II) e Piermario Vescovo (Università Ca’ Fosca­ri Venezia). Seguirà, presso Marina di Procida, l’esposizione di Davide Barra, mentre concluderà la serata la Banda Isola di Procida diretta dal maestro Frances­co Trio.

Il giorno successivo, alle ore 18.30 pre­sso Marina di Procida Porto Turistico, Gaetano Manfredi, Ret­tore dell’Università Federico II di Napo­li, consegnerà il “P­remio Concetta Barra – Isola di Procida” a personalità che si sono distinte per aver diffuso la cult­ura partenopea nel mondo.

La commissione scien­tifica, presieduta da Massimo Marrelli (Università di Napoli Federico II) e comp­osta dal Maestro Pep­pe Barra, Beatrice Alfonzetti (Università La Sapienza di Rom­a), Giulio Baffi (cr­itico teatrale), Mau­rizio De Giovanni (s­crittore), Elsa Evan­gelista (Conservator­io di Musica San Pie­tro a Majella di Nap­oli), Dinko Fabris (Conservatorio di Nap­oli e Università del­la Basilicata), Mari­no Niola (Università di Napoli Suor Orso­la Benincasa), Andrea Mazzucchi, Matteo Palumbo e Pasquale Sabbatino (Università di Napoli Federico II), Pier Mario Vesc­ovo (Università Ca’ Foscari di Venezia), ha deciso di confer­ire il premio a:Giovanna Mezzogiorno (sezione carriera teatrale), Ferzan Ozpetek (sezione regia),Diego De Silva (sezione narrativa), Elio Pecora (sezione poesia), Ottavio Ragone(sezione giornalism­o), Flegra Bentivegna(per la tutela delle tartarughe marine), Toni Florio (sezione musica), Lello Esposito(sezione pittura e scultura) e Giancarlo Cosenza (valorizzazione di Procida).

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Comune di Procida COMUNICATO STAMPA Premio Procida 2017

PROCIDA (9 settembre 2017) – Il Premio Procida Isola di Arturo Elsa
Morante, dedicato al capolavoro di Elsa, è arrivato quest’anno alla
sua XXX edizione e festeggia anche il 60° anniversario del Premio
Strega attribuito a “L’isola di Arturo” con due serate speciali e due
progetti importanti.

Venerdì 22 settembre, alle ore 19, nella meravigliosa cornice di Santa
Margherita, si inaugurerà la mostra fotografica “Ritorno all’isola di
Arturo” di Marta Giaccone con gli interventi dei prof.ri Marco
Viscardi e Marina Lebro. Di seguito, i membri della Giuria Tecnica
della sezione narrativa, presieduta da Gabriele Pedullà, presenteranno
alla Giuria popolare e al pubblico i tre scrittori selezionati:

Roberto Livi, (“La terra si muove” Marcos y Marcos);

Andrea Bajani, (“Un bene al mondo” Einaudi);

Matteo Nucci (“E’ giusto obbedire alla notte” Ponte alle Grazie).

Al termine, dopo il dibattito, si terrà la cerimonia pubblica del voto.

Sabato 23 settembre, sempre con inizio alle ore 19,00 nella chiesa di
Santa Margherita Nuova, cerimonia di premiazione dei vincitori della
sezione Narrativa e Mare, condotta dalla giornalista Natascia Festa ed
accompagnata dai brani musicali di Alessandro Butera.

Per quanto riguarda la sezione Mare quest’anno è risultato vincente
Pietro Grossi, Il passaggio (Feltrinelli) mentre un premio speciale
per la saggistica è stato assegnato a Luca Lo Basso, Gente di bordo
(Carocci).

Riconoscimento, inoltre, al traduttore di Pedrag Matvejevic
(“Breviario Mediterraneo”) Silvio Ferrari, del quale verrà proiettato
un documentario con lo stesso Matvejevic protagonista, che sarà
preludio di una successiva celebrazione, in primavera, che il Comune
di Procida dedicherà al grande cantore del Mare Nostrum.

La serata proseguirà con la proiezione del video “I luoghi di Elsa
Morante”, a cura della Biblioteca Nazionale Centrale introdotto dal
Direttore Andrea de Pasquale (che presenterà il progetto per un Museo
Multimediale Permanente a Procida sulla grande scrittrice). Al termine
si procederà allo spoglio pubblico delle schede di votazione della
Giuria Popolare, presieduta da Giacomo Retaggio, e alla proclamazione
del vincitore della sezione narrativa.

 
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

“Banchetto di Re Ferdinando” e “Portoni aperti”, che successo!

PROCIDA – Il primo fine settimana di settembre è stato caratterizzato
da due iniziative molto importanti per la valorizzazione del
territorio e del patrimonio artistico culturale di Procida. «E’
doveroso pertanto – sottolinea l’assessore alla cultura ed eventi Nico
Granito – ringraziare chi, a diverso titolo e a modo proprio, ha
contribuito alla riuscita di queste iniziative.

Per “Il Banchetto di Re Ferdinando”: i ragazzi di “Fine pena mai”-
Compagnia di George per l’animazione teatrale e la guida offerta;
Eliana Esposito “Graziella 2017”; O’Sarracino event e Associazione
Italiana Somelier di Ischia e Procida per aver offerto i vini e
contribuito con eleganza e professionalità alla riuscita del tutto,
Antonio Lubrano Lobianco per la fornitura delle tovaglie; Francesco
Scotto di Santolo per il service luci; Giovanni Florentino per
l’allestimento floreale; l’Ass. Isola dei Misteri, l’Ass. I Ragazzi
dei Misteri e Vincenzo Aurelio per l’allestimento del banchetto; il
Marina di Procida. Per l’oggettistica e le pietanze: Bar Flamingo, la
macelleria “the Butchers Ivan e Andrea, il ristorante Sent’cò, la
Panetteria Proietti, le pasticcerie Bar Roma, Cascone, Dal Cavaliere,
Dolci Peccati, Spinelli per la fornitura dei dolci, la “Casa di
Graziella”, l’Ass. Borgo Marinaro di Chiaiolella. L’intrattenimento
musicale inedito è stato curato da “i Giullari di corte”.

Un ringraziamento speciale all’Ass. “La Procida che vorrei” per il
generoso lavoro di organizzazione e preparazione dell’evento, i
costumi di Maria Pennacchio, le foto di scena di Aniello Intartaglia.
Le fonti storiche di riferimento sono state tratte dai testi:
“Procida, Architettura e paesaggio”, “La Storia di Procida…” di Di
Liello e Rossi, “Procida, il Palazzo d’Avalos” di P. Lubrano Lavadera
e di Gennaro Sclano, “Cenni storici intorno alla città ed isola di
Procida” di M. Parascandola, “La cucina nell’isola di Graziella” di
Zazzera e Scotto di Perta.

Per “Portoni Aperti”: i proprietari dei palazzi Di Costanzo, Porta,
Fabrizio, Casa Sabia, Scotto-Schiano, il Patio, Rosato, Pescarolo, i
palazzi su via Marcello Scotti ed inoltre casa Barbiero per aver
generosamente reso possibile la visita ai rispettivi palazzi in molti
casi arricchiti da artisti locali di vario genere; un ringraziamento
speciale al coro Le Pleiadi per il contributo offerto alla
manifestazione, Franco ed Assunta Tramontana, i Nevels, gli Hobbisti,
alle Associazioni Millennium, Proloco e Vivara per avere accompagnato
domenica mattina turisti e concittadini alla scoperta delle bellezze
del centro storico ed i tanti visitatori che con entusiasmo in questo
fine settimana hanno partecipato ai suddetti eventi.

Un doveroso ringraziamento – conclude l’Assessore Granito – al
personale della Tekra per la pulizia dei luoghi visitati, al personale
dell’ufficio Turismo e Cultura ed al Comando di Polizia Municipale per
aver garantito l’ordine ed il regolare svolgimento degli eventi».

 
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Primo week end di settembre all’insegna della cultura e della storia

PROCIDA – Il primo fine settimana di settembre sarà caratterizzato, in linea con l’intera programmazione annuale voluta dall’ Assessore alla cultura ed eventi Nico Granito, da un “piatto ricco” di manifestazioni all’ insegna della valorizzazione del patrimonio artistico-culturale ed enogastronomico dell’isola di Graziella.

Si parte venerdì 1 settembre quando, nell’ ambito del ”Procida Food Contest”, si potrà rivivere, per una magica sera, un’ambientazione tutta in stile borbonico nel suggestivo Palazzo D’ Avalos a Terra Murata. Una guida in abito d’epoca accompagnerà il visitatore in una passeggiata nel palazzo ricordando uno spaccato importante della storia procidana; durante il percorso si assisterà al “Banchetto di Re Ferdinando,” allestito appositamente per l’occasione, con un esempio, ovviamente limitato, di menù borbonico. A conclusione del percorso, con un sottofondo di musica dell’epoca, sarà possibile degustare un pezzo di lasagnone del Re Ferdinando, il tipico babbà ed un bicchiere di vino abbinato ad hoc. Il costo della serata è di euro 8; info e prenotazioni finepenamai@gmail.com  3472135398.  L’accesso al percorso è consentito a gruppi composti al massimo 50 persone per volta; il giro dura circa 45 minuti e gli orari sono: 19.45-20.30-21.15-22.00

Per ulteriori info: turismoprocida@libero.it – 0818109258

Si prosegue sabato 2 settembre, dalle ore 19.00, quando sarà possibile incamminarsi tra le stradine visitando alcuni dei portoni storici dell’isola, ubicati tra Sant’Antonio di Padova e San Giacomo con la presenza del Coro “le Pleiadi”. Domenica 3 settembre, poi, l’attenzione si sposta nel cuore del centro storico dove le associazioni che si occupano di accoglienza guideranno turisti e concittadini alla conoscenza del nostro patrimonio organizzando dei tour di conoscenza dei principali palazzi tra le ore 9.30 e le ore 12.30. Per info e prenotazioni del tour: Millennium 3348514028-3348514252; Proloco 0818969048-3381069798-3339825432; Associazione Vivara – 347 7711979.

Da ricordare, inoltre, che il 2 e 3 settembre, alle ore 20.00 e ore 22.00 a Terra Murata, dopo il grande successo dell’estate, sarà riproposto lo spettacolo teatrale itinerante “Fine Pena Mai”La vita nel carcere di Procida, per prenotazioni telefono 347 213 53 98 – finepenamai@gmail.com

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Invito alla massima diffusione. Grazie

Gentili concittadini ed ospiti, nell’augurarvi di trascorrere al meglio questo periodo di riposo sull’isola, Vi esortiamo a non tralasciare le buone pratiche a tutela dell‘ambiente, del decoro e della bellezza dei luoghi.
Impegniamoci tutti a rispettare e far rispettare le modalità di conferimento dei rifiuti seguendo il calendario vigente, differenziando i materiali, secondo il sistema – comodo e facile – del “porta a porta”.
Le utenze singole e collettive, domestiche e non, abbino cura di depositare i rifiuti separati nelle ore serali (dopo le 21.00) fuori l’uscio delle abitazioni o degli esercizi, debitamente riposti in idonei contenitori, evitando il contatto del sacco con la sede stradale, specialmente in caso di organico.
Gli operatori dell’accoglienza (gestori di strutture residenziali e porti turistici, affittacamere, residence, locatori estivi) si adoperino seriamente per fornire agli ospiti le necessarie informazioni e gli opportuni strumenti per adeguarsi al sistema vigente.
A tal fine si rammenta la disponibilità di Tekra s.r.l. e degli uffici comunali a raccogliere eventuali segnalazioni e fornire ogni utile indicazione.
 
Si preannunzia altresì l’intensificazione delle attività di vigilanza e controllo finalizzate alla repressione di condotte contrarie alle ordinanze vigenti: i responsabili saranno quindi sanzionati a norma di Legge e – ove ne ricorreranno i presupposti – segnalati all’Autorità Giudiziaria.
Abbiamo tutti l’onore e l’onere di vivere l’isola con pieno senso di responsabilità, affinché si preservi ospitale ed accogliente per il residente come per il viaggiatore.

L’Amministrazione Comunale
Assessorato all’Ambiente
Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Comunicato Stampa del Comune di Procida   Studio e lotta alla zanzara tigre a Procida: i primi risultati dopo un anno di lavoro.

A Procida è in corso da settembre 2015 uno progetto di ricerca dal titolo “Studi di dinamica di popolazioni di Aedes albopictus a Procida: verso il primo esperimento di soppressione di zanzare mediante la tecnica del maschio sterile in un’isola del Mediterraneo” che ha l’obiettivo di studiare questa specie di zanzara tigre sull’isola e di fare di Procida un “laboratorio naturale” dove provare in futuro metodiche nuove di controllo anche per altri insetti dannosi (come ad esempio mosche della frutta e flebotomi).

Tale progetto, coordinato dal dott. Marco Salvemini, si sta svolgendo nell’ambito del Protocollo d’Intesa tra il Comune di Procida ed il Dipartimento di Biologia dell’Università Federico II di Napoli e del progetto “Procida città della scienza” che vede l’isola in prima linea nella collaborazione con la Federico II su alcuni progetti scientifici di valorizzazione ambientale e di ripristino delle condizioni di vivibilità territoriale.

A Maggio 2017 è terminata la prima fase di studio iniziata ad Aprile 2016 consistita nell’uso di 22 ovitrappole per lo studio della dinamica temporale della popolazione di zanzara tigre sull’isola. Nei mesi di Luglio e Settembre 2016 invece i ricercatori avevano utilizzato 101 ovitrappole per studiare la distribuzione sul territorio. Con l’aiuto di 7 volontari procidani e con la collaborazione di più di 80 famiglie, che hanno dato accesso alle loro proprietà per il piazzamento delle ovitrappole, sono state contate ed eliminate dall’ambiente circa 84000 uova di Aedes albopictus corrispondenti a circa 20000 potenziali zanzare femmine adulte (di solito si schiudono in media il 50% delle uova e di queste solo la metà sono di sesso femminile). Questi dati hanno consentito di produrre la prima mappa di distribuzione spaziale della zanzara tigre sull’isola, requisiti fondamentali per i successivi esperimenti di rilascio di maschi sterili previsti nei prossimi anni.

La raccolta e lo studio dei dati ha visto la collaborazione di tre ricercatori dell’Ateneo Federiciano, i Dott. Marco Salvemini, Valeria Petrella, Giuseppe Saccone, del Dipartimento di Biologia e del dott. Giuliano Langella del Dipartimento di Agraria di Portici e di cinque ricercatori romani, i Dott. Beniamino Caputo, Pietro Cobre, Mattia Manica e la Prof.ssa Alessandra Della Torre del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell’Università La Sapienza di Roma ed il Dott. Federico Filipponi dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) di Roma.

I dati raccolti sono stati presentati ind due conferenze internazionali:  a Luglio 2016 in Messico, nell’ambito della prima conferenza inter-regionale dell’IAEA sull’applicazione della tecnica ell’insetto sterile (https://www.iaea.org/projects/tc/int5155) ed Maggio 2017 a Vienna, presso l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA) nell’ambito della conferenza “Third FAO–IAEA International Conference on Area-wide Management of Insect Pests: Integrating the Sterile Insect and Related Nuclear and Other Techniques” (http://www-pub.iaea.org/iaeameetings/50813/Third-FAO-IAEA-International-Conference-on-Area-wide-Management-of-Insect-Pests-Integrating-the-Sterile-Insect-and-Related-Nuclear-and-Other-Techniques) e saranno pubblicati in un lavoro scientifico su una rivista internazionale.

Un ringraziamento speciale va ai volontari Costantino D’Antonio, Davide Zeccolella, Cesare Buoninconti, Amedeo Schiano, Michele Meglio, Alberto Salvemini  per il loro preziosissimo contributo nella gestione delle ovitrappole durante tutto l’anno di studio, a Max Noviello per l’accesso ai dati metereologici della sua stazione meteo presente sull’isola ed ai numerosissimi cittadini che, aprendo le porte dei propri giardini, hanno consentito di studiare la zanzara sull’intero territorio dell’isola.

Nel mese di settembre 2017 i ricercatori saranno nuovamente sull’isola per stimare il numero di zanzare presenti nella finestra di picco di densità di tale mese e per piazzare 10 stazioni climatiche che consentiranno di catturare dati metereologici e climatici in altrettanti punti dell’isola. I ricercatori hanno intenzione di sviluppare infatti un modello matematico che consenta, integrando dati di catture entomologiche e dati ambientali, di prevedere la comparsa e la localizzazione delle zanzare sull’isola nei prossimi anni. Tale modello consentirà di pianificare in modo mirato i futuri esperimenti di controllo e di soppressione della popolazione infestante di zanzara tigre sull’isola.

L’esperimento di portata mondiale, a livello socio-culturale,  sanitario, economico ed ambientale,  ha fatto puntare i riflettori del mondo della scienza  a livello nazionale ed  internazionale sull’isola di Procida, e si spera di poter svolgere il terzo convegno mondiale proprio nella nostra piccola isola.

L’Amministrazione comunale, pertanto, è impegnata in questo momento nella  ricerca di fondi per  poter ospitare sia il convegno, sia per sostenere le nuove fasi sperimentali per i prossimi anni, nonché di altri volontari dell’isola che hanno dato fino ad oggi un apporto fondamentale nella riuscita di un’esperienza unica al mondo.

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello