isole

Trasporti Marittimi: aggiornamenti intorno al servizio navetta Calata di Massa/Molo Beverello

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA
 
In merito al problema legato alla soppressione del servizio navetta di collegamento tra Calata Porta di Massa e Molo Beverello, la Consigliera con delega ai Trasporti Marittimi Lucia Mameli ha rilasciato la seguente dichiarazione: «In data odierna, presso la sede dell’Autorità Marittima di Napoli si sono incontrati l’ingegnere Luca Cascone, Presidente della Commissione regionale Trasporti, il Presidente dell’Autorità Portuale del mar Tirreno Centrale Pietro Spirito, il dottor Ugo Vestri per l’ Autorità Marittima e gli Amministratori delle tre isole del golfo di Napoli per la definizione dei tempi di ripristino della navetta di collegamento tra Calata di Massa e Molo Beverello e viceversa. Come già affermato in occasione dell’Audizione Regionale, tale servizio è necessario al fine di limitare i disagi provocati dallo sdoppiamento dello scalo con la divisione traghetti/unità veloci. La proposta presentata dall’Amministrazione è riferita alle esigenze dell’utenza – da e per Procida – che coincidono con quelle delle altre isole. Tale servizio “navetta” deve soddisfare i bisogni di tutti. Abbiamo posto in evidenza, inoltre, che il servizio, nel caso di sospensioni dei collegamenti dei mezzi veloci, deve entrare anch’esso in “emergenza” facendo la spola tra i due scali a ridosso della partenza sostitutiva (se c’è e se è molto ravvicinata). La frequenza della navetta sarà ogni 15 minuti a partire dalle ore 08 alle ore 14 e dalle 14.45 alle 20.45. Ci sarà un solo capolinea a Calata di Massa (di fronte biglietteria) per poi, in modalità circolare, proseguire per il Molo Beverello – Stazione Marittima. Al più presto saranno affissi gli orari. Ci riteniamo soddisfatti del lavoro svolto e attendiamo al più presto il ripristino del servizio».
La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Procida aderisce alla società consortile “Sviluppo Mare Isole di Procida e di Ischia”

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI PROCIDA

 

Da circa 3 anni, e precisamente dal 15 maggio 2014,  il Parlamento Europeo ha emanato il regolamento  relativo alla nuova politica economica comunitaria per la pesca,  dando altresì dei principi informatori per la formulazione dei programmi di intervento da attuare in materia di pesca e di acquacoltura nel periodo 2014-2020.

Ogni Stato membro, attraverso le Regioni,  ha dovuto predisporre  l’attuazione di tali nuovi norme anche per dare possibilità ai settori della pesca di partecipare  al Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca (FEAMP).

Solo nel luglio del 2016, la Giunta Regionale della Campania ha preso atto del Piano Operativo Nazionale ed ha istituito  la nascita dei FLAG, ossia organismi locali che hanno il compito di elaborare una strategia di sviluppo locale e il relativo Piano di Azione (PdA) onde concorrere al finanziamento.

A tal fine i Comuni di Procida e Ischia  già associatisi precedentemente  nel GAC sempre per lo sviluppo della pesca, hanno, nell’agosto del 2016, deliberato di dar seguito all’esperienza svolta  con il GAC e dar vita al FLAG Isole d’Ischia e Procida, il quale si  sarebbe impegnato ad inviare alla Regione entro il 5 ottobre  il Piano di Azione nonché a predisporre le politiche di sviluppo legate al mare e nei territori ricadenti nell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno.

Capofila di questo FlAG viene designato il Comune di Ischia.

A tal fine viene costituita la società Consortile “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida” con lo scopo di sviluppare e realizzare strategie di sviluppo locale, favorire interazioni tra operatori, settori e progetti, in maniera funzionale al soddisfacimento dei bisogni dell’Area di riferimento, e dare ai soci la possibilità di usufruire di servizi informativi, di assistenza tecnica e progettuale, nonché di coordinare iniziative comuni anche allo scopo di reperire risorse finanziarie per gli investimenti pubblici finalizzati ai servizi rivolti alle comunità locali.

Il Comune di Procida  nella seduta del Consiglio Comunale del 13 febbraio 2017, dopo ampia discussione che vedeva perplessi su alcuni punti della Delibera i due Consiglieri di Minoranza presenti,  ritenendo utile e necessario operare insieme ai Comuni di Ischia, ha deliberato la partecipazione alla Società Consortile “Sviluppo Mare isole di Ischia e di Procida” con la quota di partecipazione di  Euro 645,00.

La Delibera è stata approvata con 12 voti favorevoli, 2 astenuti e nessun contrario.

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

I Sindaci delle Isole del Golfo chiedono all’autorità portuale di Napoli la riapertura dell’accesso a Calata di Massa

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

I Sindaci dei Comuni delle isole del Golfo, in merito alle problematiche legate ai collegamenti marittimi tra i propri territori ed il Porto di Napoli, facendo seguito a quanto già avuto modo di evidenziare nel corso degli incontri tenuti soprattutto sul tema della navetta di Calata di Massa e dell’accesso per le auto dei residenti direttamente dal varco autostradale, hanno sollecitato, con una nota congiunta il Presidente dell’A.D.S.P. Mar Tirreno Centrale, Dott. Pietro Spirito, all’adozione dei necessari provvedimenti per una immediata e adeguata soluzione alle tematiche accennate.

Oltre alla urgenza del ripristino del servizio navetta per il quale sono state indicate dai Comuni le possibili e più utili ipotesi di organizzazione, risulta indispensabile ed indifferibile ripristinare la possibilità di accesso, direttamente dal varco autostradale, alle auto dei residenti sulle isole e ai turisti destinati all’imbarco per le stesse isole. La necessità scaturisce, soprattutto, dalle esigenze delle popolazioni isolane derivanti da urgenze lavorative e sociali che obbligano i residenti all’uso dell’auto per trasferimenti in terraferma. I primi cittadini, infatti, ricordano che per i residenti il ricorso all’utilizzo dell’auto è motivato esclusivamente per motivi di salute (ricoveri presso strutture ospedaliere cittadine, regionali ed extra-regionali), per impegni lavorativi legati a trasferte fuori città e da esigenze familiari varie. Nella maggior parte dei casi, pertanto, risulta impossibile programmare data e orario di ritorno sulle isole per cui è altrettanto impossibile dotarsi, in partenza dall’isola o con anticipo, di tagliando di imbarco che dimostri il requisito per il transito dal varco in questione.

Numerosissime sono state le segnalazioni e le proteste ai Sindaci, nonché presso il varco portuale, da parte dei residenti isolani e dei turisti per il disagio che il mancato transito provoca causando, spesso, la impossibilità di imbarco con le conseguenze facilmente immaginabili. I Sindaci non condividono le motivazioni espresse dall’Autorità Portuale relative alla necessità di limitare il traffico all’interno delle aree di competenza in quanto è facilmente dimostrabile la scarsissima incidenza che il passaggio di poche auto, intestate a residenti nelle isole, al giorno nelle zone portuali possa provocare. Contrariamente, il disagio recato al residente e al turista obbligandoli ad un percorso più lungo e immerso nel traffico cittadino sicuramente risulta offensivo ed inadeguato a quel diritto alla mobilità ed alla continuità territoriale più volte invocato, ma troppo spesso dimenticato.

La nota è stata inviata anche Al Presidente della IV Commissione Trasporti della Regione Campania, Ing. Luca Cascone, e per conoscenza al Prefetto di Napoli, la Dott.ssa Carmela Pagano.

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

I nove Comuni del Golfo e la Regione insieme per Sostenere i Giovani isolani

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

Lo scorso mercoledì 15 febbraio presso la Cappella della Purità a Terra Murata, nel ambito del Convegno di presentazione del Bando Ben-Essere Giovani/Organizziamoci, i rappresentanti dei nove Comuni delle isole del Golfo di Napoli – ovvero Procida, Anacapri, Barano, Capri, Casamicciola, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Serrara Fontana – hanno sottoposto al Onorevole Antonio Marciano (Questore alle Finanze del Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Campania), all’Assessore Serena Angioli (Assessore ai Fondi Europei, Politiche Giovanili, Cooperazione Europea e bacino euro-mediterraneo della Regione Campania), alla dottoressa Regina Milo (Coordinatrice Regionale ANCI Giovani Campania) e al dottor Attilio D’Andrea (Responsabile di Sviluppo Campania) la proposta per sostenere le politiche giovanili nelle isole di Capri, Ischia e Procida.

La proposta si basa sulla Legge Regionale 26 del 8 agosto 2016, approvata dal Consiglio Regionale della Campania per «dare maggiore impulso agli indirizzi politici legati alle azioni dedicate alla fascia giovanile della popolazione».

Il documento pone l’accento sulle contingenze con le quali i giovani delle tre isole della Regione devono avere a che fare, vincolati ai confini geo-morfologici del territorio e a incognite come le condizioni meteomarine che presuppongono un impegno economico maggiore rispetto ai loro pari età stanziati su terra ferma e suggerisce perciò l’attivazione, in tre fasi specifiche, dei nuovi strumenti previsti dalla suddetta Legge:

«1) Monitoraggio attraverso l’Osservatorio delle Politiche Giovanili;

2) Valutazione attraverso incontri semestrali del Gruppo di Orientamento Strategico (GOS);

3) Individuazione delle scelte di indirizzo politico in condivisione con Regione e Comuni»

Il percorso permette, come si legge nella proposta, «il coinvolgimento degli enti locali nella programmazione regionale sulle politiche giovanili nelle isole e l’attuazione di programmi in diversi ambiti come quello sociale, scolastico, formativo, sanitario, abitativo, culturale, del tempo libero, del lavoro, di pianificazione territoriale, di mobilità, di sviluppo sostenibile e di accesso al credito»

Sia i rappresentanti della Regione Campania che i membri degli Enti presenti stamane al Convegno hanno offerto la loro disponibilità a soddisfare la richiesta dei Comuni firmatari.

«Un primo passo è stato fatto verso una politica che sceglie di investire sul proprio Futuro mettendo al centro i Giovani del Territorio» ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Giovanili Rossella Lauro, organizzatrice dell’evento. «I dati potrebbero essere molto utili per monitorare la situazione e scegliere tutti insieme le linee di indirizzo politiche in favore di percorsi di crescita personale e professionale dedicati ai giovani isolani. Grazie a tutti per aver accettato la sfida e alle tante persone che mi hanno aiutata ad organizzare l’iniziativa».

A cura di Vivere Procida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia noioso
Cosa pensi di questo contenuto?
  • noioso 
  • mediocre 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Mercoledì 15 febbraio presentazione del Bando “Ben-Essere Giovani/Organizziamoci”

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

Mercoledì 15 febbraio alle ore 10.00 presso la Cappella della Purità – ex Conservatorio delle Orfane – a Terra Murata, l’Assessore regionale Serena Angioli, Assessore ai Fondi Europei, alle  Politiche Giovanili, alla Cooperazione europea e bacino euro-mediterraneo, l’Onorevole Antonio Marciano, Questore alle Finanze e Consigliere regionale, il Dottor Umberto Minopoli, Presidente di Sviluppo Campania e la Dottoressa Regina Milo, Coordinatrice ANCI Giovani Campania presenteranno il Bando Ben-Essere Giovani/Organizziamoci ai Comuni delle isole del Golfo.  

La mattinata proseguirà con una tavola rotonda in cui tutti gli amministratori delle isole interverranno per rappresentare la realtà dei giovani isolani.

L’Assessore Rossella Lauro del Comune di Procida ha dichiarato: “Un momento di confronto con la Regione è fondamentale per focalizzare l’attenzione sulle problematiche dei nostri giovani che ogni giorno affrontano numerose difficoltà per proseguire gli studi, per lavorare, oppure per seguire una propria passione. L’incontro ha l’obiettivo di attivare delle politiche in favore dei nostri ragazzi che spesso sono costretti ad andare via dall’ isola per cercare altrove risposte ai loro bisogni”.

L’incontro è aperto al pubblico e sono invitati i giovani, le associazioni e le imprese interessate al Bando Ben-Essere Giovani/Organizziamoci.  

 

A cura di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello 

Includere il Presidio di Procida tra quelli in deroga nel Piano Ospedaliero della Regione Campania

catena-ospedale-procida
Il Sindaco ed il Consiglio Comunale di Procida esprimono apprezzamento per l’impegno del Presidente De Luca a sostegno del Pronto Soccorso dell’isola.
Rinnovano la richiesta al Commissario Polimeni ed al Ministro Lorenzin di includere il Presidio di Procida tra quelli in deroga nel Piano Ospedaliero della Regione Campania.

A tal fine hanno già proposto alla Presidenza della Regione un emendamento, da condividere con il Ministero della Salute, per risolvere definitivamente la problematica.

Chiedono al Presidente ed al Prefetto di convocare con urgenza un tavolo tecnico per approfondire le esigenze del Presidio Ospedaliero dell’isola di Procida.

Esprimono grande soddisfazione per la mobilitazione diffusa e composta della comunità procidana che ha dimostrato compattezza nella condivisione della comune battaglia per la sanità.

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • bello 
  • mediocre 
  • utile 
  • noioso