navetta

Trasporti Marittimi: aggiornamenti intorno al servizio navetta Calata di Massa/Molo Beverello

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA
 
In merito al problema legato alla soppressione del servizio navetta di collegamento tra Calata Porta di Massa e Molo Beverello, la Consigliera con delega ai Trasporti Marittimi Lucia Mameli ha rilasciato la seguente dichiarazione: «In data odierna, presso la sede dell’Autorità Marittima di Napoli si sono incontrati l’ingegnere Luca Cascone, Presidente della Commissione regionale Trasporti, il Presidente dell’Autorità Portuale del mar Tirreno Centrale Pietro Spirito, il dottor Ugo Vestri per l’ Autorità Marittima e gli Amministratori delle tre isole del golfo di Napoli per la definizione dei tempi di ripristino della navetta di collegamento tra Calata di Massa e Molo Beverello e viceversa. Come già affermato in occasione dell’Audizione Regionale, tale servizio è necessario al fine di limitare i disagi provocati dallo sdoppiamento dello scalo con la divisione traghetti/unità veloci. La proposta presentata dall’Amministrazione è riferita alle esigenze dell’utenza – da e per Procida – che coincidono con quelle delle altre isole. Tale servizio “navetta” deve soddisfare i bisogni di tutti. Abbiamo posto in evidenza, inoltre, che il servizio, nel caso di sospensioni dei collegamenti dei mezzi veloci, deve entrare anch’esso in “emergenza” facendo la spola tra i due scali a ridosso della partenza sostitutiva (se c’è e se è molto ravvicinata). La frequenza della navetta sarà ogni 15 minuti a partire dalle ore 08 alle ore 14 e dalle 14.45 alle 20.45. Ci sarà un solo capolinea a Calata di Massa (di fronte biglietteria) per poi, in modalità circolare, proseguire per il Molo Beverello – Stazione Marittima. Al più presto saranno affissi gli orari. Ci riteniamo soddisfatti del lavoro svolto e attendiamo al più presto il ripristino del servizio».
La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

I Sindaci delle Isole del Golfo chiedono all’autorità portuale di Napoli la riapertura dell’accesso a Calata di Massa

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

I Sindaci dei Comuni delle isole del Golfo, in merito alle problematiche legate ai collegamenti marittimi tra i propri territori ed il Porto di Napoli, facendo seguito a quanto già avuto modo di evidenziare nel corso degli incontri tenuti soprattutto sul tema della navetta di Calata di Massa e dell’accesso per le auto dei residenti direttamente dal varco autostradale, hanno sollecitato, con una nota congiunta il Presidente dell’A.D.S.P. Mar Tirreno Centrale, Dott. Pietro Spirito, all’adozione dei necessari provvedimenti per una immediata e adeguata soluzione alle tematiche accennate.

Oltre alla urgenza del ripristino del servizio navetta per il quale sono state indicate dai Comuni le possibili e più utili ipotesi di organizzazione, risulta indispensabile ed indifferibile ripristinare la possibilità di accesso, direttamente dal varco autostradale, alle auto dei residenti sulle isole e ai turisti destinati all’imbarco per le stesse isole. La necessità scaturisce, soprattutto, dalle esigenze delle popolazioni isolane derivanti da urgenze lavorative e sociali che obbligano i residenti all’uso dell’auto per trasferimenti in terraferma. I primi cittadini, infatti, ricordano che per i residenti il ricorso all’utilizzo dell’auto è motivato esclusivamente per motivi di salute (ricoveri presso strutture ospedaliere cittadine, regionali ed extra-regionali), per impegni lavorativi legati a trasferte fuori città e da esigenze familiari varie. Nella maggior parte dei casi, pertanto, risulta impossibile programmare data e orario di ritorno sulle isole per cui è altrettanto impossibile dotarsi, in partenza dall’isola o con anticipo, di tagliando di imbarco che dimostri il requisito per il transito dal varco in questione.

Numerosissime sono state le segnalazioni e le proteste ai Sindaci, nonché presso il varco portuale, da parte dei residenti isolani e dei turisti per il disagio che il mancato transito provoca causando, spesso, la impossibilità di imbarco con le conseguenze facilmente immaginabili. I Sindaci non condividono le motivazioni espresse dall’Autorità Portuale relative alla necessità di limitare il traffico all’interno delle aree di competenza in quanto è facilmente dimostrabile la scarsissima incidenza che il passaggio di poche auto, intestate a residenti nelle isole, al giorno nelle zone portuali possa provocare. Contrariamente, il disagio recato al residente e al turista obbligandoli ad un percorso più lungo e immerso nel traffico cittadino sicuramente risulta offensivo ed inadeguato a quel diritto alla mobilità ed alla continuità territoriale più volte invocato, ma troppo spesso dimenticato.

La nota è stata inviata anche Al Presidente della IV Commissione Trasporti della Regione Campania, Ing. Luca Cascone, e per conoscenza al Prefetto di Napoli, la Dott.ssa Carmela Pagano.

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia interessante
Cosa pensi di questo contenuto?
  • interessante 
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • bello 

Contro le scelte del Presidente dell’Autorità Portuale le isole del golfo pronte a protestare: «Non aggraviamo i disagi delle comunità isolane»

COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI PROCIDA

 

L’8 gennaio 2017, il neo eletto Presidente dell’Autorità marittima – dottor Pietro Spirito – sospendeva la navetta che, all’interno del porto di Napoli, collegava il Molo Beverello a Calata Porta di Massa e viceversa, a danno delle comunità isolane che l’avevano ottenuta nel 2007. Infatti, a fronte della separazione dello scalo traghetti da quello veloce, riuscirono a far impegnare, con l’intervento dell’allora Prefetto di Napoli – dottor Alessandro Pansa – l’autorità portuale ad “attivare le procedure necessarie a istituire un servizio di navetta continua fra le due aree del porto a titolo gratuito, allo scopo di consentire ai passeggeri di spostarsi fra le due aree dedicate al traffico con le isole”.

Il progetto dell’epoca prevedeva anche una serie di miglioramenti dei servizi e opere che, in parte sono state realizzate solo a Calata Porta di Massa mentre al molo Beverello, attualmente, non esiste alcun servizio per i pendolari isolani ed i passeggeri in genere: le sale d’aspetto non possono essere utilizzate, le pensiline a copertura sia delle biglietterie sia delle aree di attesa sono fatiscenti e, in caso di pioggia, non offrono alcun riparo, il sistema informativo, che dovrebbe fornire ai passeggeri informazioni su partenze ed arrivi è perennemente in manutenzione, non esiste alcun presidio di sicurezza: chiuso il presidio di polizia e nessuna vigilanza.

Il nuovo Presidente dell’Autorità portuale, invece di dare impulso al miglioramento dei tanti servizi carenti per pendolari e passeggeri, anche considerato il notevole aumento del flusso turistico, ha ritenuto sospendere uno dei pochi servizi efficienti offerti nel porto di Napoli.

Tale decisione senza alcun confronto con i Sindaci delle isole, le istituzioni ed i rappresentanti delle associazioni dell’Utenza, è arrogante e prepotente. Viene soppresso un servizio essenziale senza prevedere alcuna alternativa, lasciando l’utenza al suo destino; si mette a rischio la sicurezza dei viaggiatori, non esistendo percorsi pedonali sicuri e attrezzati, soprattutto in danno alle persone con ridotta mobilità il cui disagio è accentuato nei periodi invernali quando, per avverse condizioni meteo marine, vengono sospese le corse dei collegamenti veloci.

Per questi motivi e contro l’arroganza delle decisioni che investono i cittadini delle isole chiediamo in primis alla Regione Campania, tenuta a garantire i servizi di collegamento con le isole, che il servizio navetta venga ripristinato ad horas al fine di non aggravare ulteriormente i tanti disagi delle comunità isolane e dei viaggiatori tutti.

In caso di mancato riscontro alla nostra istanza saremmo pronti a contrastare l’attuale decisione.

Nel ribadire tutto quanto innanzi, si rappresenta che perdurando tale situazione andremo a chiedere al Signor Prefetto di intervenire per garantire quantomeno gli accordi del 2007.

La Consigliera Lucia Mameli

 

A cura della Redazione di VivereProcida

La maggior parte delle persone pensa che il contenuto di questo articolo sia utile
Cosa pensi di questo contenuto?
  • utile 
  • mediocre 
  • noioso 
  • bello 
  • interessante 

Sospensione navette nel Porto di Napoli: i Sindaci del Golfo si mobilitano

I Sindaci di Procida, Ischia, Capri e Anacapri, con un documento condiviso e firmato congiuntamente, hanno voluto reagire alla decisione di sospendere il servizio gratuito di navette di collegamento tra la Stazione Marittima di Porta di Massa e il Molo Beverello. 

Ecco il testo diffuso dai primi cittadini delle isole del Golfo di Napoli: 

 

«Al presidente dell’A.D.S.P. Mar Tirreno Centrale

Dott. Pietro Spirito

Al presidente della Regione Campania

Dott. Vincenzo De Luca

Al presidente della IV Commissione Trasporti

Ing. Luca Cascone

 

Oggetto: Servizio navetta Molo Beverello – Stazione Marittima Porta di Massa

                È giunta notizia dell’imminente sospensione del servizio di navette, interno al porto di Napoli, di collegamento fra il Molo Beverello e Calata Porta di Massa.

Nel sottolineare che tale servizio, istituito nel 2007 nell’ambito della conferenza dei servizi sullo spostamento del traffico traghetti dal molo Beverello e Calata porta di Massa indetta dal Prefetto di Napoli su richiesta dei Sindaci delle isole nonché della pressione organizzata dalle rappresentanze degli Utenti isolani, aveva lo scopo di mitigare i gravi disagi indotti dalla separazione dello scalo delle unità veloci da quello traghetti agevolando gli spostamenti tra i due scali da/per le isole e che allo stato ne permane la sua essenzialità, considerato che:

  • la distanza tra il Molo Beverello e la Stazione marittima di Porta di Massa è tale da non essere facilmente percorribile da persone anziane, mamme con bambini e/o persone con difficoltà motorie, soprattutto se con bagaglio al seguito;
  • l’attuale organizzazione della viabilità all’interno del porto e l’assenza di un percorso pedonale protetto e sicuro rendono estremamente pericoloso lo spostamento a piedi tra i due moli da parte dei passeggeri sprovvisti di un mezzo proprio a qualunque ora del giorno;
  • la distanza delle fermate dei mezzi pubblici di superficie nelle immediate vicinanze dello scalo di Porta di Massa costringono i passeggeri a fermarsi al Beverello, per poi raggiungere Calata Massa con la navetta che ora s’intende sopprimere (ad es. Alibus);
  • è necessario per l’utenza sprovvista di veicoli al seguito raggiungere rapidamente lo scalo alternativo unità veloci/navi traghetto in occasione della sospensione di corse per avarie improvvise delle unità navali;
  • nel caso di soppressione delle corse veloci per avverse condizioni meteomarine la necessità di raggiungere rapidamente Calata di Massa, per utilizzare spesso l’unico collegamento per il rientro a casa, espone i passeggeri alle peggiori intemperie (pioggia, vento, etc) oltre che a forte stress per l’assenza di un coordinamento delle partenze che assicuri la necessaria tranquillità all’Utenza.

Per questi motivi i sottoscrittori della presente chiedono che l’A.D.S.P. Mar Tirreno Centrale, nell’attuare provvedimenti ed iniziative di competenza, consideri la necessità di mitigare tutti i disagi indicati, assicurando – nelle more – almeno l’attuale servizio navette di collegamento interno al Porto di Napoli tra Molo Beverello e Calata Porta di Massa.

                Inoltre, i sottoscrittori chiedono di convocare in tempi brevi un tavolo presso l’Autorità di Sistema per affrontare tutte le problematiche legate allo stato dei progetti di sviluppo del porto di Napoli che possono avere impatto sulla mobilità dell’Utenza da/per le isole, non ultime le nuove norme per la sosta e la circolazione dei veicoli all’interno del porto.

In attesa di Vs cortese riscontro, s’inviano cordiali saluti.»

A cura della Redazione di Vivere Procida

Cosa pensi di questo contenuto?
  • mediocre 
  • noioso 
  • utile 
  • interessante 
  • bello